Home Beauty Chignon che passione! Scopri quello più adatto a te

Chignon che passione! Scopri quello più adatto a te

551
CONDIVIDI

Al giorno d’oggi, un po’ per mancanza di tempo e un po’ per pigrizia, le donne sono sempre alla ricerca del vestito perfetto per tutte le occasione, di un trucco impeccabile ma naturale e ovviamente dell’acconciatura perfetta. Si perché se agli uomini basta un semplice shampoo e un’asciugatura veloce per essere in ordine, alle donne serve molto più tempo; ai capelli secchi serve idratazione, a quelli crespi e gonfi una bella stirata, i ricci necessitano di definizione e ai capelli lisci serve volume. Insomma, sono poche le donne che si alzano dal letto la mattina e sono già pronte per uscire ed affrontare il mondo; eppure al giorno d’oggi ci sono tanti piccoli trucchi che si possono utilizzare e che facilitano la preparazione della mattina riducendone i tempi e abbassando così il livello di stress. Così come il correttore copre le occhiaie annullando gli effetti della stanchezza e camicia e giacca sopra ad un semplice jeans sono un’alternativa perfetta per ogni outfit lavorativo, ci sono pettinature che permettono a tutte le donne di essere impeccabili in pochi minuti. Se non si ha il tempo di lavare i capelli ci sono alcune semplici acconciature come la coda o lo chignon che sono utilissime nei casi di ‘emergenza’; ma mentre la coda non fornisce molte alternative, dello chignon esistono molteplici varianti adatte ad ogni tipo di donna ed occasione.

Arriva a pochi euro il finto chignon da uomo

La parola chignon viene dal francese chignon du cou, frase che indica una penninatura raccolta proprio alla base della nuda. Chiamato da alcuni semplicemente cipolla o, in inglese, ‘bun’, lo chignon è una pattinatura classica e molto diffusa che affonda le sue radici in profondità nella storia. Lo chignon era infatti molto utilizzato dalle donne dell’antica grecia – che raccoglievano i capelli per poi fermarli alla testa con dei piccoli fermagli d’oro o d’avorio – e dalla civiltà cinese ma ha raggiunto una grande popolarità soprattutto in epoca vittoriana e nei primi anni quaranta del novecento. Simbolo di eleganza e compostezza, lo chignon è poi diventato il raccolto preferito delle ballerine di danza classica che ne hanno fatto un vero e proprio elemento distintivo. Oggigiorno questa pettinatura è più che altro l’ancora di salvezza di tutte le donne che vogliono essere perfette ed in ordine in poche semplici mosse. Per questo motivo sono state create molteplici variazioni dello chignon adatte non solo alle differenti occasioni come il lavoro, una cerimonia particolare, il primo giorno di scuola, ma alle donne di tutte le età. Che siate quindi donne in carriera, o nostalgiche bohemien, oppure ragazze acqua e sapone ecco alcuni piccoli consigli di stile per i vostri capelli. Scoprite con noi qualche chignon fa a caso vostro.

Come fare lo chignon classico da ballerina

chignon classico da ballerinaPartiamo quindi dalle basi, perché prima di correre bisogna imparare prima a camminare. Il primo chignon quindi che vi presentiamo è quello classico, da ballerina, utilizzato dalle ragazze che studiano danza e che hanno bisogno di tenere i capelli sotto controllo. Si tratta infatti di un racconto molto rigoroso, solitamente posizionato ad un’altezza media, che richiede non solo l’utilizzo di forcine per stare in piedi, ma anche di una retina sottilissima che eviti fuoriuscite di capelli durante le piroette. Per realizzare questa pettinatura si parte sempre da una coda medio alta, fermata con un elastico, attorno alla quale verranno poi attorcigliati i capelli e mo’ di ciambella; è consigliabile dividere i capelli della coda in due metà, attorcigliare entrambe su se stesse e poi avvolgere i due torchon attorno all’elastico della coda, come a volerlo nascondere. Per fermare le due ‘ciambelle’ vi serviranno un bel po’ di forcine con le quali attaccare i torchon alla testa. E’ consigliabile infine bloccare lo chignon finito con una retina molto sottile che sia dello stesso colore dei capelli e che quindi si mimetizzi alla perfezione. Con un pettine quindi pulire la superficie dei capelli e fissare tutto con la lacca.

Come fare lo chignon alto

Quello alto è invece senza dubbio la tipologia di chignon più diffusa nel mondo e anche quello che comprende più varianti nella sua realizzazione. Analizziamo il primo metodo:

1 – Per creare uno chignon alto è necessario sempre partire da una coda di cavallo alta e molto tirata, in modo che il capelli restino in ordine il più a lungo possibile. Dividere poi la coda in due metà e, come per lo chignon da ballerina, attorcigliare i capelli su se stessi e poi attorno all’elastico, per poi fermargli con delle forcine. Questa tipologia di chignon, oltre ad essere molto semplice da realizzare, non ha la tipica forma a ciambella ma si è estente invece più verso l’altro, come una sorta di nido d’uccello; questa particolare forma è adatta alle donne dai visi rotondi poiché riesce ad equilibrare le proporzioni.

chignon alto

2 – Per la seconda tipologia di chignon alto, si parte si da una coda alta ma il procedimento è leggermente diverso. Una volta pettinati i capelli e inserito l’elastico, dovrete stringere la vostra coda ma fermarvi un po’ prima della fine, lasciando all’incirca un terzo della coda libero, creando così una sorta di cappio con un capelli. Nel passaggio successivo, i capelli rimasti fuori dal cappio, dovranno essere attorcigliati alla base dell’elastico e fermati con delle forcine. A questo punto bisognerà aprire come a ventaglio la parte di coda fermata dall’elastico e bloccare le due estremità alla testa, creando come una sorta di voluminoso chignon semicircolare. Questo è, rispetto al precedente, di sicuro uno chignon un po’ più rilassato ma che comunque risulta molto chic.

chignon alto

3 – Per le donne invece che amano gli chignon alti ma che preferiscono il volume e il ‘disordine’ c’è una terza alternativa davvero molto semplice. Adatto soprattutto alle donne dai capelli ricci o mosso – ma realizzabile anche con i capelli lisci dopo una cotonatura -, per realizzare questo raccolto si parte come sempre da una coda alta. Una volta fermati i capelli con un elastico, si passa alla cotonatura della coda che darà maggiore texture alla vostra chioma e renderà l’assemblaggio del bun molto meno faticoso. Una volta ultimata la cotonatura dovrete attorcigliare la coda su se stessa, dalla fine alla cima della testa, creando una sorta di strana cannolo di capelli che verrà poi attorcigliato nuovamente attorno all’elastico e fermato con le forcine. Questo procedimento richiede un po’ più di manualità ed il risultato finale, pur essendo molto sofisticato, è meno ordinato dei precedenti, adatto per le donne che prediligono un look meno austero.

chignon alto

Come fare lo chignon basso

Scendiamo adesso di qualche centimetro ed occupiamoci dello chignon basso, ovvero il migliore amico di un ogni donna. Questa pettinatura infatti non soltanto è estremamente semplice da realizzare ma, grazie alle sue mille varianti, è adatto per qualunque occasione.

1 – Per lo chignon basso classico bisogna pettinare bene i capelli – scegliendo di tirarli tutti all’indietro, di fare la fila al centro o di lato – e creare una coda bassa che si fermi all’altezza della nuca e bloccarla con un elastico. Dividere poi la chioma in due parti e creare due torchon che verranno poi attorcigliati all’elastico e fermati alla testa con le forcine. Questa pettinatura è ideale per tutte le donne che vogliono restare in ordine ma che non amano le pettinature troppo alte e tirate; i capelli, soprattutto quelli lunghi, sono pesanti e a volte le acconciature rischiano di provocare durante la giornata dei terribili mal di testa.

chignon basso

2 – Un’alternativa divertente al classico chignon basso è quella di creare un raccolto che sia leggermente decentrato. Per questa sorta di chignon laterale bisogna pettinare i capelli tutti su di un lato e dividerli in due metà uguali; intrecciare poi le due estremità come se si volesse fare un nodo ai capelli e bloccare le due ciocche rimaste attorcigliandole attorno al nodo, bloccandole con delle forcine. Solitamente per questo raccolto è consigliabile fare una riga laterale e non avere dei capelli troppo lunghi; essendo meno stabile dei precedenti chignon, il peso della chioma potrebbe fare collassare la pettinatura.

chignon basso

3 – Se amate invece le acconciature dal gusto un po’ retro, quest’ultimo metodo è quello che fa per voi. Pettinare i capelli accuratamente, fare una riga laterale e creare una coda bassa proprio all’altezza della nuca e fermarla; far scorrere poi l’elastico dalla nuca fino quasi alla fine della coda e fermarsi a circa una decina di centimetri. A questo punto – proprio come per la terza tipologia di chignon alto – attorcigliare i capelli su se stessi, dalla fine della coda fino alla nuca, questa volta però dal basso verso l’alto, formando un a sorta di cannolo che verrà fermato poi alla testa con delle forcine. Questa è una tipica acconciatura bonton adatta in particolar modo a quelle donne che non hanno capelli troppo lunghi né scalati; essendo un raccolto molto meno stabile, le forcine potrebbero non reggere il peso di una chioma molto folta, e in più i capelli scalati creare fuoriuscite indesiderate dal raccolto.

chignon basso

Come fare lo chignon con i capelli corti

Ma se pensate che lo chignon sia una pettinatura adatta solo ai capelli lunghi, vi sbagliare di grosso. Anche le donne che amano i capelli più corti possono sbizzarrirsi e creare acconciature diverse ogni giorno. Per creare uno chignon per capelli corti avrete bisogno però di due fidati alleati, ovvero un pettine a denti stretti e una buona lacca; il primo vi servirà per cotonare la vostra chioma e creare così volume mentre il secondo vi aiuterà a fissare l’acconciatura. Ecco tre semplici varianti di chignon per capelli corti.

1 – Se amate il classico chignon da ballerina ma credete di non avere abbastanza materia prima su cui lavorare, non disperate. Iniziate col creare una coda alta quanto più tirata possibilee bloccatela con un elastico. Dividete poi la chioma in due parti uguali e con l’aiuto del pettine, cotonate entrambe le ciocche dalla parte inferiore dei capelli. Una volta ottenuto la texture e il volume necessari per il vostro chignon, attorcigliare i capelli attorno all’elastico e fissate il tutto con delle forcine. In ultimo, per ottenere un risultato più pulito, pettinate delicatamente la parte superiore dei capelli per evitare che la cotonatura vi dia un aspetto sciatto. Bloccate tutto con una spruzzata abbondante di lacca.

chignon capelli corti

2 – Se invece preferite un look un po’ più sparazzito, optate allora per uno chignon basso. Creare una coda e bloccatela saldamente all’altezza della nuca con un elastico. Da sotto, cotonate i capelli con il pettine ed attorcigliate poi il tutto attorno all’elastico bloccandolo lo chignon alla testa con le forcine. Non è necessario pulire la cotonatura con il pettine poiché questo look non deve essere troppo preciso ma, per evitare cedimenti o fuoriuscite, fissate tutto con la lacca.

chignon capelli corti

3 – Il terzo chignon per capelli corti è ideale per tutti i giorni e per le occasioni informali come ad esempio un’uscita tra amici. Spruzzate un po’ di lacca su tutti i capelli e pettinate all’indietro; questo vi permetterà di avere un controllo maggiore sull’acconciatura e di evitare che i capelli vi sfuggano di mano. A questo punto, con un elastico, create una sorta di coda/cappio con i capelli, ricordandovi però di lasciare libera un piccola ciocca (all’incirca di 2 centimetri) al di sotto della vostra coda. Bloccate il cappio stringendo bene e poi attorcigliate la chiocca che avete lasciato libera attorno all’estatico per coprirlo e fissatela al di sotto del cappio con una forcina. Infine ripulire la testa dai capelli che sono fuoriusciti con un pettine e, se volete, spruzzate un altro po’ di lacca. Ovviamente quello che vedete nella foto in basso è realizzato con capelli più lunghi ma la tecnica è applicabile anche ad un taglio più corto.

chignon capelli corti

Come fare lo chignon con la ciambella o il calzino

Negli ultimi anni ha iniziato invece a spopolare, soprattutto tra le persone del mondo dello spettacolo, una particolare tipologia di chignon, perfettamente rotondo quasi come se fosse una grossa ciambella, che richiede però strumenti un po’ più professionali e una grande pratica. Per ottenere questo tipo di risultato avete bisogno di un crespo cricolare, anche detto volgarmente ciambella, che vi permetterà di dare volume e dimensione al vostro chignon. Ma come si usa?

Ricordate una cosa, non importa a che altezza vogliate il vostro raccolto, per costruire uno chignon perfetto si deve sempre partire da una coda. Per creare questo chignon con ciambella avrete quindi bisogno di un crespo circolare – la grandezza del crespo varia in base alla lunghezza e alla consistenza dei vostri capelli -, due elastici, delle forcine, un pettine e della lacca.

Pettinate dunque i capelli e fermate la coda all’altezza che più preferite utilizzando un elastico. Prendete poi il vostro crespo circolare e fate passare la vostra coda all’interno del buco della ciambella; ora, abbassate leggermente la testa in avanti e, senza far slittare o cadere il crespo, aprite i capelli su di esso come a volerlo ricorprire completamente. Una volta che la superficie del crespo è sparita sotto uno strato di capelli, prendete un elastico e lasciatelo scivolare attorno al crespo per fermare i capelli che lo ricorprono. Uno volta ultimato questo procedimento, per nascondere i capelli in eccesso, potete seguire due strade; nascondere i capelli sotto il crespo facendo attenzione a non muovere l’elastico oppure prendere piccole ciocche di capelli, attorcigliarle su se stesse e fermarle con le forcine attorno alla ciambella. Non importa quale metodo decidiate di utilizzare, alla fine dovrete sempre e comunque fissare il crespo alla testa con delle frocine. Infine, pulite con un pettine la testa dai capelli fuoriusciti e spruzzate abbondante lacca per fissare il tutto.

chignon con ciambella

Se volete ricreare questa pettinatura ma non avete un crespo a disposizione, potete facilmente creare uno utilizzando un calzino. Prendete dunque un calzino lungo di spugna – possibilmente scuro se siete brune e chiaro se siete bionde – e con un paio di forbici tagliate via la punta di netto. A questo punto, partendo dalla vostra punta tagliata, arrotolate il calzino su se stesso arrivando fino alla fine; il risultato sarà una ciambella perfettamente rotonda da utilizzare sui vostri capelli come guida al posto del crespo. Ovviamente, più lungo e spesso sarà il vostro calzino e più voluminoso sarà poi la vostra ciambella.

chignon con calzino

Come fare lo chignon con treccia

Un’altra alternativa, adatta soprattutto alla più giovani, è quella dello chignon con treccia, un’idea divertente per tenere i capelli in ordine senza però dover optare per il solito noioso raccolto. Per realizzarlo avrete bisogno di un elastico grande e uno più piccolo di silicone e delle forcine. Iniziate spazzolando accuratamente i capelli e realizzare una coda ad un’altezza media, bloccandola con un elestico. Realizzate poi con la coda una classica treccia arrivando fino alla fine e bloccatela con un piccolo elastico di silicone, meglio se trasparente o dello stesso colore dei vostri capelli. Una volta completata la treccia, attorcigliatela attorno all’elastico a mo’ di ciambella e fissate il risultato alla testa con delle forcine.

chignon con treccia

chignon con treccia

chignon con treccia

Esistono molte varianti di questo chignon e tutte prevedono delle modifiche nella realizzazione della treccia; non è necessario infatti fare la solito barbosa treccia francese, potreste infatti optare per una più complessa e d’effetto treccia a spina di pesce o addirittura per una treccia tedesca. Se volete inoltre che lo chignon risulti più spettinato e dall’aspetto più bohemien, una volta ultimata la vostra treccia (non importa quale abbiate scelto), vi consigliamo di tirare leggermente tutte le sue estremità, come a volerla disfare, per rendere il risultato più rilassato e meno definito.

chignon con treccia chignon-con-treccia-4

Come fare lo chignon con fiocco

La prossima variante di raccolto è adatta a tutte le donne, soprattutto le più giovani, dall’animo romantico e spensierato e che amano farsi notare. Se vi riconoscere in questa descrizione allora lo chignon con fiocco è la pettinatura che fa per voi. Realizzarlo è molto semplice ed è una pettinatura adatta ai capelli medio lunghi anche scalati. Iniziate pettinando bene i capelli e realizzando una coda di media altezza, leggermente decentrata; la sua posizione laterale permetterà a voi di lavorare meglio per realizzare il fiocco e vi darà un aspetto più sbarazzino. Una volta decisa la posizione della coda, iniziate a fermarla alla testa ma, arrivate all’ultimo giro del vostro elastico, tenete i capelli in modo tale che solo una parte esca fuori, lasciando le punte libere e rivolte verso il viso. Dividete quindi in due ciocche uguali la parte di capelli bloccata a cappio dall’elastico e appiattitela sulla testa; prendere quindi le punte di capelli libere dall’elastico e fatele passare all’indietro sopra la zona di separazione delle due ciocche del cappio, femando il tutto con delle forcine al di sotto dei capelli. Bloccate infine alla testa sempre con delle forcine le due estremità del fiocco in modo tale che nascondano il tutto e che non si muovano durante la giornata o serata. Fissate tutto con una spruzzata di lacca.

chignon con fiocco

Come fare lo chignon spettinato

Ultimo ma non per questo meno importante, abbiamo lo chignon spettinato che da qualche tempo è diventato un vero e proprio must per tutte coloro che amano seguire le tendenze del momento. Questa pettinatura facile da realizzare e che comprende un numero incredibile di varianti, è amata indistintamente da ragazze molto giovane e donne mature perché permette di essere pronte in cinque minuti con risultati sempre impeccabili. Chic ma senza essere troppo rigoroso, lo chignon spettinato è un raccolto tipico degli anni sessanta e amatissimo dalle star di Hollywood che sembrano davvero non averne mai abbastanza; che sia alto o basso, centrato o laterale, nessuno nella città degli angeli riesce a fare a meno di questa pettinatura. Per realizzare uno chignon spettinato non bisogna seguire delle regole particolari perché in realtà non ce ne sono; in base infatti alle vostre preferenze potete decidere di giocare con i vostri capelli fino ad ottenere il risultato desiderato. Quello che vi serve è infatti solo un elastico e tanta immaginazione; a volte non occorre nemmeno spazzolare i capelli poiché lo chioma arruffata è forse la migliore amica di questo chignon. Ma se proprio non riuscite a visualizzare il risultato finale, vi daremo qualche dritta per realizzare il vostro chignon spettinato.

chignon spettinato

Come sempre si parte da una coda – solitamente in questi casi si preferisce una coda abbastanza alta – che però non deve essere troppo tirata, anzi, se ci sono delle piccole ciocche di capelli che spuntano un po’ a caso ai lati del viso, ancora meglio. Dopo aver fissato la coda con un elastico avete due opzione a) usare le dita per spettinare la coda oppure b) fare una leggera cotonatura con un pettine per texturizzare i capelli. Una volta ottenuto il volume desiderato, avvolgere i capelli aggrovigliati attorno all’elastico e fissarli a casaccio alla testa, senza essere troppo precisi. Usare infine le dita per scompigliare ancora il risultato finito ed il gioco è fatto. Ma se ancora non riuscite a visualizzare il vostro (im)perfetto chignon spettinato, vi lasciamo qui in basso un paio di idee dalle quali prendere spunto.

chignon spettinato

chignon spettinato