Home Entertainment Arriva Telegraph, il servizio di messaggistica istantanea e senza account di Telegram

Arriva Telegraph, il servizio di messaggistica istantanea e senza account di Telegram

In una realtà sempre più ossessionata dalla condivisione rapida e globale dell’informazione ecco prospettarsi una possibile futura rivoluzione nel campo della vita all’interno dei social network e della relativa diffusione di contenuti e informazioni. Telegram, una delle più note applicazioni dedicate alla messaggistica dell’era 2.0, ha deciso di elaborare una nuova piattaforma di blogging denominata Telegraph (nulla a che vedere, nonostante l’anomia, con il famoso quotidiano britannico), la quale è stata concepita attraverso un’interfaccia semplice e intuitiva che permette all’utente di poter postare istantaneamente in rete un qualsiasi contenuto senza l’obbligo di registrasi mediante un account.

WhatsApp e Telegram a portata di hacker grazie alle segreterie telefoniche

Accedendo al sito telegra.ph e inserendo il relativo titolo del post, lo user avrà la possibilità di vivere una comune esperienza di social networking mediante la generazione di un link apposito da poter immediatamente condividere col popolo della rete. Ovviamente tali contenuti “immediati” potranno essere condivisi anche direttamente all’interno della app principale di Telegram, dove la funzione Instant View (simile gli Instant Articles e alle Accelerated Mobile Pages di Google) permettere in pochi decimi di secondo di diffondere i contenuti senza alcun tipo di rallentamento.

Questa rivoluzionaria e innovativa strategia targata Telegram appare in realtà come una decisa e palese mossa concorrenziale nei confronti di Real Life, la rivista online pubblicata a giungo 2016 da Snapchat che ha dimostrato come anche un social network possa di fatto oggi immettersi senza problemi nel circuito dell’informazione “ufficiale” d’alto profilo. Sul sito ufficiale di Telegram si legge infatti che «Con Telegraph i vostri canali potranno pubblicare storie e articoli proprio come i media mainstream».