Home People Allison Mack, la star di Smallville membro di una setta che reclutava...

Allison Mack, la star di Smallville membro di una setta che reclutava schiave del sesso

CONDIVIDI
Allison Mack

Con lo scandalo Weinstein e le quotidiane accuse di molestie e violenze ai danni di attori famosi, credevamo di averle viste e sentite tutte. Eppure oggi spunta l’ennesimo scandalo sessuale che stavolta coinvolge la giovane attrice Allison Mack.

Alcuni di voi la ricorderanno come la vulcanica Chloe della serie tv Smalville. Ebbene a danni di Allison sono state mosse accuse molto gravi. Pare che l’attrice abbia fatto parte di una setta e che avesse il compito di reclutare schiave del sesso per il suo guru spirituale. 

Allison Mack adepta di una misteriosa setta

A smascherare l’attrice è stato il New York Times che è riuscito ad avere preziose informazioni da alcun ex membri della setta. L’organizzazione si chiama Dos, acronimo di ‘dominus obsequious sonorium’, che in latino significa letteralmente ‘padrone delle donne schiave’

Il culto Dos, secondo quanto emerso dall’inchiesta del NYT, pare fosse legato al gruppo di auto-aiuto Nxivm, organizzazione fondata da Keith Rainere. Lo Nxivm ufficialmente aiutava le donne ad avere maggiore consapevolezza di sé e a vivere una vita soddisfacente e di successo. Ufficiosamente invece la setta reclutava seguaci, donne che venivano prima marchiata e poi trasformate in schiave sessuali per Rainere. 

Secondo quanto dichiarato dagli ex membri del Dos, l’attrice Allison Mack aveva un ruolo fondamentale nel reclutamento di nuovi adepti. I pentiti della setta hanno identificato nella Mack il braccio destro di Vanguard, soprannome usato da Rainere durante il reclutamento. 

leggi anche: Kevin Spacey accusato di aver assalito il figlio adolescente di una giornalista televisiva

Gli agghiaccianti racconti di alcuni degli ex membri parlano di marchiature a fuoco delle nuove adepte e di maltrattamenti di ogni genere. Dalle diete forzate e quasi affamanti perché Vanguard ama le donne magre alle punizioni corporali per le adepte che non riuscivano a loro volta a reclutare nuove leve. 

Ad aggravare la posizione di Allison Mack e i mostri del Dos si aggiunge il ricatto. Le schiave dovevano infatti consegnare al leader della setta qualsiasi documento, filmato o foto compromettente che Rainere avrebbe potuto usare contro di loro. Le donne non avrebbero mai potuto abbandonare la setta perché continuamente sotto ricatto.