Home People Reese Witherspoon racconta delle violenze subite in passato

Reese Witherspoon racconta delle violenze subite in passato

CONDIVIDI
Reese Witherspoon

Con lo scandalo delle molestie sessuali che non accenna a fermarsi, sempre più attrici stanno condividendo le proprie esperienze di violenze subite. Dopo le scioccanti rivelazioni di attrici come Asia Argento, Rose McGowan e di recente anche Uma Thurman, adesso è il turno di Reese Witherspoon.

Anche Reese Witherspoon vittima di violenza

La fidanzatina d’America, la bella Reese Witherspoon ha condiviso alcuni dettagli della sua relazione, ormai finita, con un uomo violento. Durante un’intervista rilasciata a The Oprah Magazine, Oprah Winfrey ha chiesto all’attrice qual’è stata la scelta più difficile della sua vita.

“Per me, probabilmente abbandonare una relazione abusiva. Ho disegnato una linea nella sabbia che è stata oltrepassata e nella mia testa qualcosa è scattato. Non potevo andare avanti. Ero molto giovane ed ero tutto molto intenso”.

Raggiunto quindi il punto massimo di saturazione, Reese Witherspoon ha trovato la forza ma soprattutto il coraggio di dire basta.

“Questa esperienza mi ha cambiata nel profondo e il fatto di essermi difesa, è una delle ragioni per cui posso alzarmi e dire: ‘Sì, sono ambiziosa’. Perché qualcuno ha cercato di portare tutto questo via da me”.

L’attrice ha raccontato pochi dettagli della sua relazione con questo uomo violento tuttavia sappiamo che gli abusi subiti sono stati per la maggior parte psicologici e verbali. Come molte altre colleghe però, Reese Witherspoon di recente ha ammesso di essere stata vittima di molti episodi di violenza sessuale e molestie durante la sua carriera.

leggi anche: Quentin Tarantino a proposito di Uma Thurman e del caso Weinstein

Il primo di questi episodi lo ha raccontato la Witherspoon qualche mese fa in occasione dell’evento Women in Hollywood organizzato da Elle.

“Non riuscivo a dormire, a pensare o comunicare […] Provo vero disgusto per quel regista che mi ha assalita quando avevo solo 16 anni. Provo rabbia per gli agenti e i produttori che mi hanno indotta a credere che il silenzio fosse necessario per il mio lavoro […] E vorrei potervi dire che quello è stato un incidente isolato nella mia carriera ma purtroppo non è così. Ho avuto molte esperienza di molestie e violenza sessuale”.

Per questi motivi Reese Witherspoon è stata una delle prime attrici ad unirsi ai movimenti femminili di protesta Time’s Up e Me Too. E’ stata anche lei tra le prime a proporre il colore nero per gli abiti dei Golden Globe.

 

Fonte: Marie Claire, InStyle