Home Tech Facebook sta testando il pulsante ‘non mi piace’ per i commenti

Facebook sta testando il pulsante ‘non mi piace’ per i commenti

Facebook

Oggi su Twitter circolano strani screenshot che parlano di una nuova funzione per i commenti in arrivo su Facebook. Pare infatti che, dopo le amatissime reactions, stia per arrivare anche il dislike button. Ma questo pulsante ‘non mi piace’ non sarà come tutti l’abbiamo sempre immaginato.

Su Facebook in arrivo il dislike button

A chiarire la situazione è stata la compagnia stessa al magazine The Verge. Facebook ha infatti confermato i test per il dislike button ma ha anche specificato che questa funzione sarà dedicata solo a post o commenti pubblici.

Se vi capiterà di leggere un post o un commenti particolarmente offensivo o che violi le regole della comunità, potrete servirvi in futuro del pulsante ‘non mi piace’. In questo modo non solo potrete nascondere il commento ma inviare una segnalazione a Facebook specificandone il motivo. Con questa nuova funzione, i commenti offensivi, ingannevoli o fuori contesto potranno essere eliminati.

“Non stiamo testando un pulsante ‘non mi piace’ in senso letterale. Stiamo esplorando una nuova funzione che permetta alle persone di inviarci feedback su commenti fatti a post su pagine pubbliche. Per adesso la funzione è disponibile solo per un piccolo gruppo di persone negli Stati Uniti”.

leggi anche: Mark Zuckerberg assumerà 3000 persone per controllare i video condivisi su Facebook

 

Nonostante non si tratti di un vero e proprio dislike button, questo è un primo passo verso una Facebook community più sicura e consapevole. Lo stesso CEO, Mark Zuckerberg, si è impegnato a rendere la sua compagnia più efficiente iniziando a lavorare ad un sistema di filtraggio delle informazioni. 

Il suo obiettivo è quello di ridurre le fastidiose pubblicità dei brand per dare visibilità a post più significativi e news dall’argomento pregnante. In questo senso, il dislike button potrebbe aiutare gli utenti ad essere più autonomi e aiutare anche Facebook a raccogliere dati sulle preferenze dalla community. 

 

Fonte: The Verge