Home Tech Twitter: sospesi molti account colpevoli di spam e retweeting selvaggio

Twitter: sospesi molti account colpevoli di spam e retweeting selvaggio

twitter

Il mese scorso Twitter ha introdotto una serie di nuove regole all’interno della sua community che gestiscono il flusso di tweet e soprattutto dello spam. In poche parole, se siete stanchi di vedere sempre gli stessi account e gli stessi tweet sulla piattaforma, da oggi qualcosa potrebbe cambiare.

Twitter contro lo spam e il retweeting

Per rendere più visibile e accattivante un contenuto sui social ci sono molte strategie a cui affidarsi. Ci sono utenti, per esempio, utilizzano molteplici account per gonfiare e amplificare la portata di alcuni tweet. Per evitare che questa pratica comprometta il libero scambio di contenuti, Twitter ha introdotto alcune nuove regole e bloccato gli account più sospetti.

Secondo quanto pubblico da BuzzFeed, Twitter ha cancellato tantissimo account spam colpevoli di retweeting selvaggio o di aver rubato e copiato tweet di altri utenti. Ovviamente si tratta di account che hanno centinaia se non milioni di seguaci e che hanno violato le regole anti spam della piattaforma. 

Twitter per adesso ha solo sospeso gli account, senza cancellarli definitamente, mentre l’investigazione è ancora in corso. Questa pratica scorretta, detta Tweetdecking, prende il nome dalla famosa app di proprietà di Twitter, chiamata TweetDeck. Questo tool era stato introdotto per tutti gli account filo aziendali che utilizzavano la piattaforma per fare social media marketing.

leggi anche: Trump contro Alec Baldwin su Twitter. Ma il presidente sbaglia il suo nome

Purtroppo le regole non sono state sufficienti ad arginare il fenomeno del tweetdecking. Ecco perché a febbraio Twitter aveva dichiarato di voler rimuovere l’opzione di retwittare o inviare tweet identici da più account da piattaforme proprio come Tweetdeck.

Le nuove regole arrivano dopo le rivelazioni che oltre 50.000 account collegati a organizzazioni sostenute dalla Russia hanno esposto circa 700.000 persone alla propaganda nel corso delle Elezioni presidenziali degli Stati Uniti a gennaio del 2016. All’epoca, la società promise che avrebbe fatto di tutto per limitare lo spam su Twitter controllando quindi che contenuti simili venissero pubblicati su più account e utilizzati per aumentarne la loro visibilità e popolarità.

 

Fonte: The Verge