Home Cinema Netflix escluso dal concorso del Festival di Cannes

Netflix escluso dal concorso del Festival di Cannes

40
Netflix

Il Festival di Cannes si avvicina e come ogni anno sono le polemiche a tenere banco. Dopo l’impopolare decisione di vietare i selfie con le star sul red carpet, il festival fa sapere che i prodotti originali targati Netflix, quest’anno non concorreranno per la Palma d’Oro. 

Niente concorso ufficiale per Netflix a Cannes

Secondo quanto riportato da The Hollywood Reporter, sembra proprio che il Festival di Cannes abbia vietato il concorso ufficiale ai prodotti a marchio Netflix. Secondo il regolamento del festival, ogni film in concorso deve essere poi distribuito in sala almeno per una settimana. 

Lo scorso anno ci fu una polemica infinita a causa dei film Okja di Bong Joon-ho e The Meyerowitz Stories di Noah Baumabach. Entrambi i film furono ammessi al concorso ufficiale del festival ma all’ultimo minuti il colosso streaming non fu in grado di garantire i permessi dell’ultimo minuto per le uscite di una settimana a causa dei regolamenti dei media francesi.

Stavolta il direttore artistico di Cannes, Theirry Fremaux, per tutelare il festival e gli altri film in concorso ha deciso di ‘bandire’ i prodotti Netflix Originals dalla competizione.

leggi anche: Barack Obama produrrà nuovi show in collaborazione con Netflix

“L’anno scorso, quando abbiamo selezionato questi due film, ho pensato di poter convincere Netflix a farli uscire in sala nei cinema. Sono stato presuntuoso, loro hanno rifiutato […] Quelli di Netflix hanno adorato l’esperienza da red carpet e vorrebbero essere rappresentati da altri film. Tuttavia capiscono che l’intransigenza del loro modello è ora l’opposto della nostra”.

A partire dall’edizione di quest’anno del Festival di Cannes, che si tiene a maggio, i film proiettati in concorso dovranno necessariamente avere una data d’uscita in Franca. A Netflix è ancora permesso presentare film a Cannes, ha aggiunto Fremaux, ma purtroppo non potranno concorrere per l’ambito premio della Palma d’Oro.

 

Fonte: The Verge