Home Tech Gmail come Snapchat: arrivano i messaggi a tempo che si autodistruggono

Gmail come Snapchat: arrivano i messaggi a tempo che si autodistruggono

Gmail Logo

Il mondo della messaggistica diventa sempre più effimero e adesso anche Gmail sembra volersi uniformare alla massa. Dopo Snapchat, Instagram e Facebook ora anche il provider web mail sembra voler introdurre i messaggi a tempo che si autodistruggono. 

Le novità di Gmail

Secondo quanto riportato da TechCrunch, pare siano in arrivo delle succose novità per Gmail. Il provider web mail più famoso ed utilizzato dagli utenti potrebbe tra qualche settimana introdurre la messaggistica a tempo. In poche parole, chiunque possegga un account Gmail, potrebbe mandare e ricevere messaggi che hanno breve durata e che allo scadere del tempo massimo si autodistruggono.

Gli sviluppatori di Google hanno quindi in mente di implementare le funzioni della loro web mail introducendo qualche piccolo extra per fa divertire gli utenti. Questa funzione, chiamata Confidential Mode, potrebbe in effetti far avvicinare Gmail a realtà come quella di Snapchat.

leggi anche: Facebook: controlla se i tuoi dati sono stati ‘rubati’ dalla Cambridge Analytica

Con la Confidential Mode sarà possibile inviare messaggi speciali, segreti e protetti. Ogni utenti potrà impostare il timer per l’autodistruzione del messaggi che, una volta scomparsi, non potranno essere più recuperati in nessun modo. Inoltre, per maggiore privacy, non sarà possibile il taglia-copia-incolla dei messaggi che per essere visualizzati avranno bisogno di un codice di accesso. Ogni destinatario riceverà il suo ‘pin’ per leggere i messaggi segreti via sms sullo smartphone. 

Per adesso il funzionamento della Confidential Mode di Gmail sembra abbastanza complesso ma contiamo di saperne di più nelle prossime settimana. Intanto, dopo lo scandalo Facebook-Cambridge Analytica, è di nuovo il problema della privacy nella messaggistica istantanea a tenere banco. Ma c’è davvero bisogno di tutte queste precauzioni sul web? 

 

Fonte: Wired