Home TV Ryan Murphy al lavoro su Consent, nuova serie ispirata a Weinstein

Ryan Murphy al lavoro su Consent, nuova serie ispirata a Weinstein

CONDIVIDI
Ryan Murphy

L’inarrestabile Ryan Murphy sembra avere in cantiere un nuovo progetto televisivo davvero ‘bollente’. Si tratta di Consent, una nuova serie tv ispirata allo scandalo delle molestie e a Harvey Weinstein.

Ryan Murphy e la nuova serie tv sulle molestie sessuali

Nonostante sia sparito dalla circolazione ormai da mesi, Harvey Weinstein riesce ancora a far notizia. Stavolta a richiamare l’attenzione del pubblico sul produttore è Ryan Murphy che pare stia lavorando ad un nuovo progetto che lo riguarda da vicino. Il re della televisione americana sta sviluppando una nuova serie tv che pare sia ispirato proprio al fenomeno Weinstein.

Il nuovo show si chiamerà Consent e tratterà lo scomodo ma attuale argomento delle molestie sessuali. Inoltre sembra proprio che la serie sarà un prodotto targato Netflix. Dopo, infatti, tanti anni di collaborazione con FX, Murphy ha deciso qualche mese fa di firmare un contratto da 300 milioni di dollari con la famosa piattaforma streaming.

L’ultimo progetto a legare il nome di Ryan Murphy a quello di FX pare sarà Pose, una serie ambientata nella New York degli anni ottanta, dedicata al mondo del vogueing e della ballroom culture. La serie – la cui prima stagione sarà di otto episodi –  avrà il più ampio cast LGBT mai visto prima e debutterà il prossimo 3 giugno su FX. Nel cast ci saranno anche attori conosciuti del piccolo schermo come James Van Der Beek (Dawson’s Creek, CSI:Cyber), Kate Mara (House of Cards) e Evan Peters (American Horror Story).

In una recente intervista rilasciata al New Yorker, Ryan Murphy ha fornito qualche piccolo dettaglio su Consent. La serie affonderà le mani del torbido mondo delle molestie sessuali e sembra che il primo episodio sarà dedicato proprio a Weinstein e la sua compagnia. Ci saranno ovviamente riferimenti ai movimenti femministi #MeToo e Time’s Up e non è escluso un episodio ispirato anche alla vicenda di Kevin Spacey.

 

Fonte: Wired