Home Tech Lookout: la app di Google che aiuta i non vedenti a riconoscere...

Lookout: la app di Google che aiuta i non vedenti a riconoscere il mondo

CONDIVIDI
Google lookout app

Se pensate che la tecnologia ci abbia reso schiavi e abbia complicato le nostre vite, tra qualche minuto dovrete ricredervi. Alcuni ingegneri di Google hanno infatti creato una app, Lookout, capace di aiutare i non vedenti a orientarsi meglio, descrivendo loro gli oggetti che li circondano. 

Lookout: la app in aiuto ai non vedenti

Creata da Google, Lookout è una app completamente gratuita e compatibile con qualsiasi dispositivo mobile. Utilizzarla è molto semplice e sarà di grande aiuto alle persone non vedenti. Basterà appendere al collo il proprio smartphone con la telecamera rivolta in avanti e la app farà tutto il lavoro.

Lookout è infatti in grado di riconoscere istantaneamente qualsiasi tipo di oggetto. Facendo doppio ‘tap’ sullo schermo dello smartphone, la app sarà in grado di inquadrare e poi descrivere minuziosamente l’oggetto. Questo semplice meccanismo riesce a facilitare l’interazione dei non vedenti con il mondo che li circonda.

Lookout app Google

 

Ciò che rende la app così speciale non è solo la sua capacità di riconoscere e descrivere gli oggetti ma bensì quella di decidere quali oggetti sono i più rilevanti. Ad esempio, se nella stessa inquadratura ci sono l’insegna di un’uscita di emergenza e una semplice sedia, Lookout sarà in grado di riconoscere la priorità della prima sulla seconda.

Lookout Google app

Ma gli ingegneri di Google non hanno lasciato nulla al caso. Per far si che la app fosse quanto più accurata possibile, hanno infatti introdotto quattro modalità selezionabili: Home (casa), Work & Play (lavoro e gioco), Scan (analisi) e Experimental (sperimentale). Ogni modalità è ovviamente pensata per attività differenti e ciò permette alla app si essere più accurata nel riconoscimento istantaneo. 

Per adesso la app Lookout è disponibile solo negli Stati Uniti. Si spera però che, dopo un periodo di rodaggio oltre oceano, possa arrivare anche nel resto del mondo. 

 

Fonte: The Huffington Post