Home People John Lasseter lascia Disney e Pixar per le accuse di molestie sessuali

John Lasseter lascia Disney e Pixar per le accuse di molestie sessuali

John Lasseter

Il regista, produttore e sceneggiatore John Lasseter ha annunciato le sue dimissioni da Walt Disney e Pixar a causa delle accuse di molestie sessuali.

John Lasseter lascia Disney e Pixar

Lo scorso anno John Lasseter era stato accusato da diverse collaboratrici di comportamento scorretto e molestie sessuali. Secondo quanto pubblicato da The Hollywood Reporter, molte donne hanno confessato di aver ricevuto baci, palpatine e commenti osè indesiderati da parte del regista. 

Dopo lo scoppio dello scandalo delle molestie sessuali, Lasseter aveva preso un congedo da Pixar e Disney di sei mesi. Nella giornata di ieri, tuttavia, è arrivato l’annuncio ufficiale del suo addio. John Lasseter lascerà il suo posto di capo dell’ufficio creativo alla fine dell’anno. 

Nel frattempo il regista non ricoprirà ruoli ufficiali e sarà utilizzato dall’azienda solo come consulente. Al termine del 2018 sarà sostituito. Non si sa ancora chi prenderà il suo posto ma di certo questo sarà un grave colpo per Disney e Pixar. Nonostante la sua condotta scorretta, John Lasseter resta uno dei geni dietro a capolavori d’animazione come Toy Story, A Bug’s LIfe e Toy Story 2

leggi anche: Saturday Night Live: la canzone Welcome to Hell contro le molestie sessuali – VIDEO

Rispetto allo scorso novembre, la situazione legale di Lasseter sembra essersi aggravata. Sono pian piano venuti alla luce molti episodi di molestie e anche i movimenti femministi hanno contribuito al declino del regista. Intanto c’è chi, volendo in qualche modo giustificare le azioni di Lasseter, ha svelato al mondo i suoi problemi di alcolismo. 

Ma i media e l’implacabile popolo del web pare abbiano già emesso la sentenza. A nulla sono valse infatti le scuse pubbliche di John Lasseter.

“Sono profondamente dispiaciuto per avervi deluso. Voglio scusarmi specialmente con chiunque abbia ricevuto da me abbracci o qualsiasi altro gesto definito inappropriato […] “.

 

Fonte: The Verge