Home Tech Google Maps per Android: eliminata la funzione prenota Uber

Google Maps per Android: eliminata la funzione prenota Uber

31
Google Maps

In casa Google i cambiamenti sono all’ordine del giorno. Oggi ad essere colpito è Google Maps che, sui dispositivi Android, non permetterà più la prenotazione diretta di un Uber.

Google Maps per Android dice addio a Uber

Una delle funzioni più utili ed interessanti di Google Maps, per tutti coloro che utilizzano mezzi pubblici e servizi privati per muoversi nelle città, è quella di poter calcolare sulla app tempi, percorsi e tariffe migliori. In questo modo il risparmio di tempo e denaro è assicurato. Ovviamente tra i servizi c’era, fino a qualche giorno fa, anche Uber.

Da gennaio 2017 solo la compagnia Uber aveva ottenuto l’autorizzazione da Google Maps di poter accedere al servizio prenotazione direttamente dalla app. In poche parole, ad ogni utente bastava cercare su Maps il percorso e la tariffa migliore e poi prenotare l’Uber. Tutto era semplice e veloce. Purtroppo questo accesso facilitato alle prenotazioni è stato rimosso.

Dopo aver cancellato questa funzione dai dispositivi iOS, adesso Google Maps vieta la funzione ‘prenota Uber’ anche ai dispositivi Android. Non sappiamo il motivo di questo cambio di rotta di Google ma alcuni ipotizzano si tratti di una questione di pareggiamento di conti.

leggi anche: Gmail per Android: puoi personalizzare lo swipe delle mail

Uber, infatti, era la sola ed unica compagnia abilitata alle prenotazioni dirette su Google Maps, cosa che forse non era poi così tanto gradita alle aziende rivali. Insomma, sta di fatto che adesso, accedendo a Maps potrete soltanto confrontare i prezzi delle corse offerte dalle varie compagnie. Per effettuare, infatti, la prenotazione di un Uber, avrete bisogno di accedere alla app dedicata. 

Se pensate che si tratti di un semplice bug di sistema dovuto agli ultimi aggiornamenti della app, ci dispiace, ma siete in errore. L’eliminazione di questa funzione per Maps su dispositivi Android è stata confermata da Google e pare che la decisione sia definitiva.

 

Fonte: The Verge