Home Recensioni ThinCharge, la prova: il battery case da 2600 mAh più sottile al...

ThinCharge, la prova: il battery case da 2600 mAh più sottile al mondo

1377

Gli smartphone sono diventati, ormai da svariati anni, i nostri migliori e inseparabili amici. Se ne stanno nelle nostre tasche o nelle nostre borse tutto il giorno, a sera si posano sul comodino e riposano accanto a noi fino al mattino seguente, quando sono proprio loro a svegliarci. Produttività, social, videogiochi, libri e informazione, gestiscono ormai ogni aspetto del nostro quotidiano, ovviamente con un prezzo in termini di energia. Spesso arrivare a sera con la batteria ancora carica è un’impresa, soprattutto se all’uscita dall’ufficio si resta fuori per una cena con gli amici o un cinema, per tornare casa a mezzanotte inoltrata. Non è un caso che tutti i produttori del settore si diano maggiormente battaglia proprio sulla capacità di energia offerta dalle loro batterie, molte delle quali non sono neppure removibili.

In questi casi, in cui l’idea di portare una batteria di riserva serve a poco, ci circondiamo di batterie esterne da collegare per l’occasione, oppure incastoniamo il nostro smartphone in un case con battery pack incorporato. Di questi ultimi se ne trovano sul mercato di ogni tipo, spessi e meno spessi, pesanti e meno pesanti, di qualità come di scadenti, persino Apple non molto tempo fa ha rilasciato sul mercato un case batteria ufficiale per iPhone che ha fatto molto discutere, a causa del suo design non proprio convincente. In questo settore si pone con estrema classe un battery case davvero particolare, famoso per essere il più sottile della categoria, il ThinCharge creato dall’americana ChargeTech.

IMG_0179Un prodotto per iPhone 6/6S e – su richiesta – iPhone 6/6S Plus che sin dalla scatola si presenta estremamente elegante: nel nostro caso parliamo di una confezione satinata di colore nero, con all’interno un case per iPhone 6/6S e un manuale con tutte le informazioni per l’uso. L’installazione è davvero semplice e immediata, rimuovendo la parte superiore del case il telefono si inserisce nelle guide senza problemi, così come è molto facile rimuovere il tutto. Al tocco la custodia si presenta solida eppure morbida, satinata, appesantisce il nostro iPhone di soli 73 grammi senza aggiungere troppo spessore e fornisce la bellezza di 2600 mAh. Una quantità di energia spropositata, se si pensa che l’iPhone 6 possiede una batteria da 1810 mAh, l’iPhone 6S da 1750 mAh. Una volta inserito il case, perdiamo completamente la classica entrata Lightning del telefono, per guadagnarne una nuova nella parte superiore della custodia. Attraverso questa entrata Lightning del ThinCharge siamo in grado di ricaricare contemporaneamente sia la batteria di default dell’iPhone che il battery pack del case.

IMG_0181Questo non va ad aggiungere i 2600 mAh a quelli già esistenti, creando una super-batteria da oltre 4000 mAh, bensì tramite un pulsante di ON/OFF è in grado di entrare in gioco soltanto quando ne abbiamo bisogno. Nel caso in cui la batteria del nostro smartphone stia per finire completamente, possiamo ricaricarla del tutto con la semplice pressione di un tasto. Con la batteria dell’iPhone al 30%, il ThinCharge riesce a ricaricare la batteria al 100% quasi due volte, in un tempo pari a 2 ore per ogni singolo ciclo. Ovviamente mentre il case è in fase di ricarica possiamo utilizzare il telefono normalmente, come fosse connesso alla corrente elettrica, senza cavi penzolanti, senza dispositivi esterni e quant’altro; un comodo led verde/rosso è inoltre in grado di segnalarci la carica del case in un secondo, per sapere sempre quanta energia di scorta ci resta. La paura di rimanere a telefono spento durante la nostra giornata diventa in un momento un vecchio, noioso ricordo. Collegando la porta Lightning del case al nostro computer, è poi possibile effettuare tutte le normali operazioni di sincronizzazione senza problemi, oltre ad aggiornare il firmware interno del ThinCharge per qualsiasi evenienza.

IMG_0182Ovviamente non tutto può essere perfetto, se da un lato la custodia risulta molto piacevole al tatto, dall’altro soffre di un effetto “oleoso” che la rende anche molto scivolosa; inoltre, con il case installato, gli iPhone 6 e iPhone 6S raggiungono un peso ci circa 200 grammi, al pari di un normale iPhone 6S Plus, un dettaglio di cui tenere certamente conto. Per il resto si tratta di un prodotto davvero valido, perfetto per chi ha bisogno di protezione e di chi usa il telefono sotto stress tutto il giorno, magari per lavoro. Con un uso medio, il case rende l’iPhone autonomo dalla rete elettrica addirittura per più giorni, ma fare calcoli è ovviamente impossibile, tutto dipende dall’utilizzo soggettivo di ognuno. Il ThinCharge per iPhone 6/6S è disponibile in tre colorazioni diverse, nero, oro o bianco, con un prezzo pari a 129 dollari su Amazon US o 130 dollari sul sito ufficiale ChargeTech (circa 115 euro), dove attualmente è in sconto a 85 dollari (circa 75 euro), un prezzo che rende il dispositivo ancor più interessante. Se siete alla ricerca di un battery case non troppo voluminoso ma allo stesso tempo performante, ThinCharge potrebbe essere la vostra scelta vincente.

ThinCharge2