Chattare via SMS è il metodo meno sicuro per la privacy

Pubblicità

Con la diffusione sempre più capillare degli smartphone, che ci permettono di usare diverse applicazioni di messaggistica via internet, l’uso dei tradizionali SMS si è notevolmente ridotto. La tecnologia è infatti ormai datata, limitata e – secondo una ricerca di USA Today – per niente sicura. Le conversazioni cifrate sono ormai un baluardo per l’app Telegram e il protocollo iMessage di Apple, talmente sicuri da essere usati persino dai combattenti dell’ISIS, anche Whatsapp si è convertita da pochissimo alla cifratura completa di tutti i messaggi.

I cari SMS invece non hanno neppure l’ombra di una tecnologia simile, dunque qualsiasi hacker con nozioni base può intercettarli e leggerli senza problemi. Un po’ come camminare per strada ricoperti soltanto da un velo trasparente, che lascia intravedere le nostre forme a tutti. “Con i normali SMS non esiste la privacy, poiché non sono criptati” ha confermato Micah Lee della Electronic Frontier Foundation. Che il loro utilizzo sia quasi del tutto scomparso non è dunque un male assoluto.

- Pubblicità -
Pubblicità