Galaxy Note 7: Samsung ferma la produzione dopo le recenti esplosioni

Pubblicità

Alla fine la notizia che tutti sospettavano è arrivata: Samsung Electronics ha bloccato la produzione dei suoi Galaxy Note 7. A riportarlo è l’agenzia sudcoreana Yonhap, una decisione sofferta che è scaturita dopo le recenti settimane da incubo. Non solo una prima partita (l’80% purtroppo) di dispositivi al lancio si è rivelata difettosa e tendente a esplodere, a causa della batteria dal surriscaldamento facile, anche i modelli sostituiti dopo il richiamo hanno avuto episodi simili.

Galaxy Note 7: esplodono anche i modelli sostituiti, Samsung a un bivio

Sembra che la decisione di sospendere la produzione dei dispositivi sia arrivata in accordo con le autorità sudcoreane, americane e cinesi per proteggere il più possibile i consumatori. Effettivamente i casi di esplosioni iniziavano a diventare numerosi e preoccupanti, nelle ultime ore è stata coinvolta una ragazzina di 13 anni, oltre a un uomo finito in ospedale a causa di una bronchite acuta dovuta al fumo. Il suo Galaxy Note 7 ha preso fuoco durante la notte. Si tratta della più grande crisi di Samsung dell’ultimo decennio.

- Pubblicità -
Pubblicità