I ritratti “allungati” di Amedeo Modigliani in mostra a Genova

Pubblicità
Pubblicità

Fino al 16 luglio 2017 le sale del Palazzo Ducale di Genova ospitano la  mostra dedicata ad Amedeo Modigliani. Una trentina di opere tra studi, disegni, acquerelli e tempere, provenienti da importanti musei e da prestigiose collezioni europee e americane.

L’esposizione  pone l’accento sul lavoro parigino di Modigliani, attraverso i suoi numerosi ritratti. Sicuramente l’elemento primario attraverso cui indagare la cifra stilistica del pittore livornese.

Amedeo Modigliani mostra genova

Numerosi sono infatti i dipinti che Amedeo Modigliani dedica ad occasionali modelleamici  e protagonisti della vita culturale parigina di quegli anni. Fu il pittore che per primo introdusse un forte rapporto psicologico con il soggetto per poi avviarsi man mano verso una purezza ed un’eleganza formale assolute.

I ritratti introversi ed introspettivi di Amedeo Modigliani in mostra a Genova

Quando Modigliani arriva nella capitale francese mancano solo otto anni allo scoppio della Prima Guerra Mondiale. Anni che, nell’evoluzione artistica europea, sono fra i più ricchi di stimoli. Attraverso i suoi dipinti il pittore testimonia l’effervescenza dell’ambiente artistico e culturale parigino di quegli anni.

La sua pittura è di una qualità estrema, introversa, introspettiva, votata al ritratto. Modigliani nutre un forte interesse per le figure femminili e i nudi. Come il sensualissimo Nudo disteso del 1918 che testimonia la sorprendente carica erotica unita a una capacità introspettiva altrettanto forte.


Amedeo Modigliani mostra genova

I suoi nudi sono opere di intenso realismo, che emanano una forte sensualità e che all’epoca suscitarono grande scalpore. Numerose sono le anonime modelle che, scovate nei caffè parigini o incontrate per strada e ammaliate dal suo fascino di seduttore, posano per Amedeo Modigliani.

Ma anche presenze importanti nella sua vita sentimentale e di intellettuale come la giornalista inglese Beatrice Hastings e la giovane compagna Jeanne Hébuterne, dalla quale avrà una figlia e che si suiciderà, incinta, il giorno dopo la morte del pittore.

Leggi anche: Torna in Italia Anish Kapoor, in mostra al MACRO di Roma

correlati

SpaLoft, la minipiscina di Kinedo

SpaLoft è la minipiscina da interni ed esterni di Kinedo progettata all’insegna del benessere e del piacere. La soluzione ideale per tutti coloro che hanno sempre desiderato...

Io dico Io – I say I la mostra tutta al femminile alla Galleria Nazionale

Dal 1 marzo al 23 maggio la Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma  ospita Io dico Io – I say I a cura di...

Art.Live! due appuntamenti con la mostra Le Signore dell’Arte a Milano

Sull'onda del grande successo ottenuto con la mostra Monet e gli Impressionisti a Bologna, Arthemisia raddoppia l'appuntamento Art.Live! spostandosi a Milano alla scoperta delle grandi artiste protagoniste della mostra Le Signore...

Fondazione Adolfo Pini per Milano MuseoCity 2021

In occasione della settimana di incontri ed eventi digitali promossa dal 2 al 7 marzo 2021 da Milano MuseoCity, la Fondazione Adolfo Pini è...