DONNE DI CARTA. DA GOYA A PICASSO, a Monza una mostra sulla collezione di Federica Galli

Pubblicità
Pubblicità

Fino al 25 giugno la Galleria Civica di Monza grazie alla collaborazione tra il Comune di Monza e la Fondazione Federica Galli, ospita un’importante mostra dedicata a Federica Galli, famosa “inciditrice” ma anche fine collezionista.

La mostra “DONNE DI CARTA. DA GOYA A PICASSO” raccoglie trentatré opere su carta, perlopiù stampe, appartenute alla sua collezione privata e selezionate secondo il tema dell’immagine femminile.

Federica Galli, un’artista con la passione per il collezionismo

Federica Galli (1932-2009) amava circondarsi delle opere d’arte degli artisti che apprezzava. Opere che spesso di accompagnavano ad un significato emotivo, richiamando alla memoria un viaggio, una circostanza, una presenza, un amico.

Una sorta di compendio della storia dell’arte incisoria da Dürer a Picasso attraverso Rembrandt, Rouault, Matisse, Bartolini, e molti altri maestri antichi meno noti ma importanti.

Tra le stampe della sua collezione, esposte alla Galleria Civica, un ritratto di Federica Galli di Aligi Sassu, una Yvette Guilbert di Tolouse Lautrec, una Théogonie di Braque, un volto di ragazza di Cézanne e un Proverbio di Goya.Tolouse Lautrec

Federica Galli Monza

Un percorso attraverso le ispirazioni e il lavoro dell’artista lombarda

Una mostra che, attraverso le stampe presenti nella collezione di Federica Galli, evidenzia una ricerca per il segno puro e per la sintesi compositiva. 

Due modalità artistiche sicuramente distanti dal gesto incisorio, che contraddistingue l’identità artistica dell’autrice e dalla sua volontà di “saturare” la superficie della lastra con composizioni sempre molto piene. Delle scelte che dimostrano l’apertura mentale, l’onestà intellettuale e la curiosità di approfondire e studiare l’arte dell’artista

Il percorso della mostra si completa alcune incisioni realizzate da Federica Galli per Monza in occasione dell’importante esposizione “Federica Galli. L’incanto dello sguardo (dal 1954 al 2007)”, presentata al Serrone della Villa Reale nel 2008. Nello stesso anno in cui l’artista donò alla città di Monza venticinque acqueforti conservate oggi presso i Musei Civici.

Leggi anche: Pino Pascali in mostra alla Fondazione Carriero con “Pascali Sciamano”

correlati

Renoir: 10 cose da sapere sull’artista e sulle sue opere

Pierre-Auguste Renoir fu un noto pittore dell'ottocento. Sin da piccolo era particolarmente portato sia per il canto che per il disegno e il padre...

Keith Haring: 10 cose da sapere su di lui e sulle sue opere

Keith Haring è un giovane che ha fatto della sua vita una vera opera d'arte di fantasia. Classe 1958 è da molti considerato uno...

Il regalo perfetto per ogni mamma con Pandora

Se sei alla ricerca del regalo perfetto per la festa della mamma, scegli dei gioielli classici Pandora perché dimostrano tutto il tuo affetto. In questa...

Immersi nella natura nel Glamping sostenibile che galleggia sui Laghi Nabi

Gli alberi si specchiano sulle acque dei laghi, facendo capolino tra i colori vividi del cielo, mentre paesaggi luminosi si stagliano verso l’orizzonte, creando...