Museo del Fallimento, in Svezia un museo che celebra i “migliori” flop di sempre

Pubblicità
Pubblicità

Il 7 giugno 2017 nella cittadina svedese di Helsingborg il Museo del Fallimento. Un progetto nato dallidea di Samuel West, uno psicologo appassionato di oggetti post industriali, che col tempo ha raccolto diversi pezzi.

Una collezione che parte dagli anni 70 ed arriva fino ai nostri giorni, raccogliendo progetti ideati con l’intento di immettere sul mercato innovazioni commerciali, rivelatesi invece dei veri flop sotto tutti i punti di vista.

Museo del Fallimento: successi sperati naufragati in flop clamorosi

Ogni oggetto esposto offre uno sguardo approfondito nel business dell’innovazione, da sempre un terreno piuttosto rischioso. Alcune delle “invenzioni” in mostra sono infatti dei veri e propri esperimenti commerciali dimenticati.

Museo del Fallimento
Lasagne al ragù surgelate della Colgate

Come le lasagne al ragù surgelate della Colgate che hanno provato a farsi strada negli Anni Ottanta. O il Twitter Peek, un dispositivo simile ad un Blackberry ma ideato solo per twittare, lanciato nel 2009 e presto dimenticato. In altri casi si tratta di fallimentari tentativi di innovazione come fu il Nokia N’Gage, poco apprezzato, o il Dvd a noleggio di Blockbuster.

C’è poi il caso dell’acqua di colonia della Harley- Davidson lanciata nel 1996 che ben pochi hanno gradito. O quello della maschera di bellezza Rejuvenique la cui specialità era quella di inondare di piccole scariche elettriche il volto del coraggioso indossatore, per ringiovanire la pelle.

Museo del Fallimento
Maschera di bellezza Rejuvenique

Sogni di gloria e successi mancati

Negli Anni Settanta sembrava che il videoregistratore potesse essere sostituito dal più veloce Sony Betamax, strumento che offriva immagini migliori. Un diverso formato per la registrazione di filmati che voleva rivoluzionare il settore, ma che fu surclassato dal VHS. Anche se la chiusura ufficiale della produzione è avvenuta solo nel 2002.

Alcune invenzioni rientrano invece nella categoria che si può definire delle “occasioni perdute”. Come la prima macchina fotografica digitale di Kodak. Che non si può considerare un vero e proprio fallimento, come racconta West, ma il simbolo dell’incapacità del colosso della fotografia vecchio stile di adattarsi al nuovo.

Museo del Fallimento
Macchina fotografica digitale di Kodak

Ci sono, inoltre, esempi di idee non proprio azzeccate. Un caso per tutti la penna “solo per donne” lanciata da BIC nel 2012. Per nulla apprezzata non tanto perché più cara di altre penne della casa, quanto perché giustamente vista come discriminazione di genere.

Leggi anche: Jeff Koons: il genio pop in bilico tra arte e kitsch

correlati

Frasi Fabio Volo: le più belle dai tratte dai suoi libri

Uno degli scrittori e non solo più amati e letti dei nostri tempi, Fabio Volo si distingue per le sue belle citazioni d'amore e...

Who the Bær, personale di Simon Fujiwara a Fondazione Prada

Fondazione Prada posticipa, a data da destinarsi, l'apertura al pubblico della mostra Who the Bær di Simon Fujiwara, prevista per martedì 2 marzo 2021...

Io dico Io – I say I la mostra tutta al femminile alla Galleria Nazionale

Dal 1 marzo al 23 maggio la Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma  ospita Io dico Io – I say I a cura di...

Art.Live! due appuntamenti con la mostra Le Signore dell’Arte a Milano

Sull'onda del grande successo ottenuto con la mostra Monet e gli Impressionisti a Bologna, Arthemisia raddoppia l'appuntamento Art.Live! spostandosi a Milano alla scoperta delle grandi artiste protagoniste della mostra Le Signore...