Roger Dubuis scende in pista alla Run to Monaco 2017 a fianco di Pirelli

Pubblicità
Pubblicità

Roger Dubuis e Pirelli, sono scesi ancora una volta in pista fianco a fianco con una nuova versione dell’Excalibur Spider Pirelli affrontando insieme la Run to Monaco 2017. Uno scenario fantastico, un’esperienza eccezionale, grandi emozioni, location di lusso: la Run to Monaco è indubbiamente una delle avventure più straordinarie che si possano vivere, un percorso che stabilisce il suo arrivo in concomitanza con uno dei più famosi e prestigiosi appuntamenti del mondo delle corse automobilistiche, la gara di automobilismo che si svolge a Montecarlo.

Questa straordinaria unione fra Roger Dubuis e Pirelli, caratterizzata da ricercata esclusività, rampante virilità e impegno comune nel far vivere ai propri clienti esperienze inedite, affonda le sue radici nel servizio esclusivo – un vero e proprio must per chi vuole lasciare il segno. Quando i migliori ingegneri provenienti da due settori distinti mettono in comune le loro vaste conoscenze, il loro grande know-how, ricerca sofisticata e spinta innovativa, il risultato è una collezione esclusiva di orologi Excalibur Spider Pirelli Automatici Scheletrati.

Roger Dubuis

Nella più recente e colorata versione prodotta da questa magnifica alleanza, i due Excalibur Spider Pirelli Giallo e Rosso presentano con orgoglio i colori dell’iconico logo Pirelli, che si sposano alla perfezione con le inconfondibili caratteristiche della linea Excalibur.

Completamente in armonia cromatica con questi nuovi audaci segnatempo, Pirelli (leggendario produttore di pneumatici ad elevato contenuto tecnologico) ha recentemente presentato in occasione dell’International Motor Show di Ginevra i pneumatici Pirelli Color Edition. Non è una coincidenza che Pirelli, grazie all’esperienza maturata nel mondo delle competizioni – dove il colore sul fianco del pneumatico identiica differenti mescole – applicherà il colore anche ai pneumatici stradali, per esaltarne il carattere sportivo e l’unicità.

Roger Dubuis

Contraddistinto da un réhaut scheletrato nero e blu, rosso o giallo, il codice colore di questi nuovi dinamici modelli Excalibur Spider Pirelli è ulteriormente accentuato da una corona di titanio con rivestimento DLC nero sovrastampata, con cuciture abbinate sui cinturini.

E come ultimo omaggio alla sete di vittoria che è nel DNA di questi due marchi d’eccezione, i cinturini di questi solidi e affidabili segnatempo sono fabbricati a partire da caucciù proveniente da pneumatici Pirelli che hanno corso e vinto delle vere competizioni, presentano inoltre al loro interno l’esclusivo disegno del battistrada di un pneumatico Pirelli. Prodotto in edizione limitata di 88 esemplari, l’Excalibur Spider Automatico Scheletrato sfoggia una cassa di 45 mm che incornicia il Calibro RD820SQ, vero e proprio bestseller del brand.

Roger Dubuis

Roger Dubuis è un marchio che fa dell’audacia e della stravaganza la propria firma e della determinazione il proprio motore. Le sue creazioni audaci, perfettamente in sintonia con lo spirito del XXI secolo, sono incarnazione di un sapere e di savoir-faire unici della Maison orologiera ginevrina.

www.rogerdubuis.com

correlati

Le Tre Vaselle, il Resort & Spa immerso in un’atmosfera d’altri tempi

Torgiano, la parte centrale dell’Umbria, in quello che viene definito il “Cuore verde d’Italia” a pochi passi da Perugia e Assisi. Qui, tra dolci...

Giusy Versace – Benefit Gala Dinner

New York si mette a tiro e l’Italia risponde. In occasione della 50esima edizione della Maratona di New York prevista il prossimo Novembre la fondazione IASF presieduta da Alessandro...

Thonet presenta la sedia imbottita 520 di Marco Dessí

Da oltre 200 anni le bellissime sedute senza tempo di Thonet simboleggiano il piacere di ritrovarsi, sedersi insieme e celebrare le gioie della vita. Il progetto 520 che...

Paul Cézanne: 10 cose da sapere su di lui e sulle sue opere

Paul Cézanne fu un pittore francese anche se le sue origini erano italiane. Pare infatti che il suo cognome originario fosse Cesana, e che...