Tesla si sposta in Cina? La mossa di Elon Musk per salvare la produzione

Pubblicità

Per anni Tesla è stato un orgoglio tutto americano, con il patron Elon Musk in grado di creare primo fra tutti auto elettriche ad alte prestazioni e di indubbia qualità. Le cose però nell’ultimo periodo sono cambiate, e molto: la società ha presentato modelli sempre più avanzati tecnologicamente, ma ha dimostrato di non saper stare al passo con la produzione. La richiesta è di migliaia e migliaia di unità all’anno, mentre si riesce a produrre soltanto 260 vetture al mese, molti infatti hanno ritirato l’ordine stanchi di aspettare. Per salvare l’azienda Musk starebbe pensando di spostare la produzione in Cina, almeno secondo un rumor delle ultime ore.

Tesla si sposta in Cina?

I nodi da scogliere sono molti, la Cina infatti non permette al momento ad aziende automobilistiche straniere di possedere aziende. Inoltre ogni auto importata è soggetta a una tassa del 25% sui ricavi, questo per preservare ovviamente i brand cinesi che producono e vendono direttamente sul territorio. La mossa però sarebbe necessaria per incrementare la produzione e servire così molti più clienti, dall’azienda però non è arrivato nulla di ufficiale. Che sia, per l’ennesima volta, la fine del sogno americano?

Leggi anche: Tesla nei guai: in arrivo licenziamenti per 4-700 dipendenti

- Pubblicità -
Pubblicità