A Napoli una retrospettiva su pittore Carlo Montarsolo

Pubblicità
Pubblicità

Dal 13 gennaio al 3 febbraio Napoli ospita, nelle suggestive sale espositive di Castel dell’Ovo, la retrospettiva Carlo Montarsolo. Ritorno a Napoli.

Una retrospettiva sul grande pittore partenopeo, scomparso nel 2005, per approfondire con un puntuale itinerario la più proficua produzione dell’artista, presente a pieno titolo nella storia dell’arte napoletana e nazionale, muovendo dal figurativo fino alle soglie dell’astrazione.

Carlo Montarsolo. Ritorno a Napoli. Dal figurativo fino alle soglie dell’astrazione

Oltre 50 opere che raccontano alcuni filoni e temi significativi del percorso artistico di Carlo Montarsolo e in particolare quelli che si legano alla città e alla cultura partenopea. Due in particolare i temi fondanti della rassegna, quello delle Lave vesuviane (1955-2002) e quello del Mare (1943-2003).

Ad essi si affianca una selezione delle opere del periodo più noto del maestro, quello della fine degli anni Cinquanta e degli inizi degli anni Sessanta, ossia la sua produzione più materica, centrata sul senso della luce e sulla sua capacità rivelativa in un contesto astratto-geometrico, senza tuttavia perdere di vista la forma naturalistica (1957-2003). A completamento alcune opere “di raccordo” tra i filoni citati ed un corpus di inchiostri del  decennio 1950-1960.

Le opere in mostra, prevalentemente oli su tela ed inchiostri, alcune delle quali appartenenti alle Collezioni della Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma e di Banca Intesa Sanpaolo, sono selezionate dal costituendo archivio dell’Associazione Montarsolo.

Fra le opere più significative anche alcuni dipinti storici, con cui l’artista ottenne i primi significativi successi che lo proiettarono in una dimensione nazionale ed internazionale: Tempio sommerso, primo premio alla Rassegna d’Arte del Mezzogiornotenutasi nel 1962 al Palazzo Reale di Napoli (con una giuria presieduta da Argan) e Paesaggio d’inverno, esposto nel 1958 alla Mostra Internazionale Premio Marzotto per la Pittura al Musée National d’Art Moderne a Parigi e premio Mancini alla mostra all’Accademia di Belle Arti di Napoli nel 1959.

Leggi anche: De Nittis e gli altri partenopei a Parigi in mostra a Napoli

correlati

La nuova Capsule Collection di Wallpepper/Group-Warø

Da sempre, WallPepper®/Group propone all’interno della sua ampia offerta di ‘immagini a parete’ speciali Capsule Collections, linee esclusive, in edizione limitata, che nascono da collaborazioni con...

Falkensteiner Hotel & Spa Jesolo si rinnova

Riapre il 20 maggio il Falkensteiner Hotel & Spa Jesolo 5 stelle Premium Collection, con un concept tutto nuovo e tante importanti novità che...

Ethimo presenta Kilt la poltroncina firmata Marcello Ziliani

Kilt, la poltroncina il cui intreccio ‘prende spunto dalla fascia di tessuto che si avvolge attorno alla vita dei fieri abitanti delle Highlands’, disegnata...

Marc Chagall. Vita, stile ed opere dell’artista russo

Artista Primitivo, Cubista, Fauvista, Espressionista o Surrealista è difficile, se non impossibile, inserire Marc Chagall all'interno di una corrente artistica. Sempre fedele a se...