Le novità di Cappellini presentate al Salone del Mobile 2018

Pubblicità
Pubblicità

Cappellini per il Salone del Mobile 2018 fa tornare un classico intramontabile con inedite soluzioni dell’abitare contemporaneo, grazie a soluzioni estetiche e costruttive ultra-avanzate esaltandone l’heritage artigianale. E poi l’evoluzione sofisticata di uno dei suoi long seller.

O-Cap (design Jasper Morrison) si presenta come l’evoluzione ancor più tecnologica della poltroncina Cap-Chair del 2013. Si riconferma l’attenzione e la complessità in fase di esecuzione. Il risultato è un vero e proprio capolavoro di artigianalità che prende ispirazione dall’antica arte del cuoio tutta italiana. O-Cap infatti ripropone la scocca in cuoio pieno fiore e/o pigmentato a taglio vivo che in questa nuova versione ne diventa l’anima per conferire sostegno, avvolgenza e morbidezza alla struttura in metallo che, grazie a un importante studio di progettazione, è ridotta al minimo per offrire grande stabilità nella massima leggerezza. La base in alluminio, anch’essa completamente riprogettata per creare un effetto di maggiore leggerezza nei volumi, è disponibile a quattro razze con puntali e cinque razze con e senza ruote. Anche se è stata pensata per l’ufficio e le aree lounge, con la sua fattura pregiata e le forme eleganti O-Cap si adatta con versatilità ad altri contesti di tipo residenziale.

Reinterpretazione in chiave contemporanea delle sedie in stile Windsor dal fascino intramontabile, Newood è il risultato della nuova collaborazione tra Cappellini e il duo di giovani designer Alberto Brogliato e Federico Traverso, che hanno sempre pensato alla sedia come il modo più congeniale per esprimere al meglio la loro essenza progettuale. Il loro approccio molto pratico e concreto al design ha colpito nel segno. Newood è una versione più leggera e contemporanea nella quale convergono le lavorazioni tecnologicamente più evolute e la sapienza di maestri artigiani del legno, trovando massima espressione nel caratteristico schienale in massello curvato che restituisce tutta la piacevolezza tattile e la genuinità della materia e la sua rassicurante bellezza. Newood è la prima sedia impilabile totalmente in legno di Cappellini che in fase di progettazione ha deciso di svilupparla anche in una seconda versione ancora più essenziale, la Newood Light con schienale, senza le classiche bacchette, ma sempre con un raffinato rapporto fra pieni e vuoti che ne è l’essenza.

Prosegue anche nel 2018 la serie Easy di Cappellini. Un contenitore su base a parete o a terra pensato per la zona living. Oltre 20 le sue composizioni con ante, cassetti o vani a giorno, caratterizzate da un impareggiabile effetto leggerezza possono assumere un’immagine differente accostando laccati finiture lucido e/o opaco al legno naturale. I top di chiusura sono personalizzabili, e si sposano armoniosamente con le tecnologie, come la zona pc, o l’anta/parete per custodire video extraflat, o per esaltare nuove forme d’arte contemporanea come la digital art. I dettagli sono sempre curatissimi, a cominciare dalle prese a scomparsa.

www.cappellini.it

correlati

Neïl Beloufa, 4 installazioni per l’anfiteatro di Apple a Milano

L’artista franco-algerino Neïl Beloufa, in collaborazione con la Fondazione Henraux, presenta The Moral of the Story. Quattro installazioni concepite per lo spazio pubblico dell’anfiteatro di Apple Piazza...

Ponza: 10 cose da fare e da vedere sull’isola

L'isola di Ponza è certamente una delle isole più belle e frequentate del litorale laziale. Ponza, che vive principalmente di turismo, durante l'estate è...

I consigli di Marc Mességué per potenziare il buon umore

Il Park Hotel ai Cappuccini di Gubbio si è sempre distinto, sin dalla fondazione, per l’importanza attribuita alla rigenerazione di corpo e anima, rispettando lo spirito dell’antico convento...

Il Table Bench di Børge Mogensen in versione più piccola

Carl Hansen & Son presenta Table Bench BM0488S, una versione più piccola della famosa panca di Mogensen con il caratteristico sedile intrecciato, dettagli eleganti e l’accurata...