Estate di natura e cultura alle Isole Faroe

Pubblicità
Pubblicità

Un arcipelago di 18 isole nell’oceano Atlantico settentrionale, incontaminate e tutte da scoprire. Sono queste le Isole Faroe, meta ancora poco conosciuta, e territorio autonomo danese situato più a nord.

Si dice spesso che le Isole Faroe non accolgano turisti – ma esclusivamente ospiti. I Faroesi sono infatti accoglienti e aperti e la meravigliosa natura delle isole invita subito a sentirsi a casa. È una meta adatta a chi ama l’escursionismo, la pesca, le immersioni, la vela o semplicemente a chi desidera respirare l’aria pulita a pieni polmoni e godersi la tranquillità di una natura incontaminata.

Nonostante siano piccole e disperse in mezzo al nulla, le Isole Faroe hanno molto da offrire anche al viaggiatore più esigente: Tórshavn è una delle più piccole capitali del mondo, ma offre tanti servizi, dagli hotel 4 stelle e i negozi di design locale, agli ottimi ristoranti che servono cibo a base di prodotti tipici, per non dimenticare la vivace scena musicale e culturale. Particolarmente interessante è la parte vecchia della città, Reyni, colorata dalle tante casette costruite in legno e con i tetti d’erba, che rendono il quartiere molto pittoresco. Anche Tinganes, dove risiede il governo è un importante punto di riferimento di Tórshavn con i suoi edifici rossi dai caratteristici tetti d’ erba. Chi invece è interessato all’arte può visitare il museo Listaskalin, con mostre permanenti di dipinti e arte faroese contemporanea, oppure la Casa Nordica, ovvero il centro culturale dedicato all’intera Scandinavia, dove si svolgono regolarmente concerti, spettacoli e mostre temporanee di pittura.

Novità di quest’anno, il primo boutique hotel alle Faroe, nella capitale Tórshavn. L’Hotel Havgrím è stato ricavato da un’antica dimora affacciata sull’oceano e presenta camere progettate ispirandosi al fiordo: i colori ricordano i prati, il cielo cangiante e il mare quando è calmo e burrascoso.

Le isole Faroe vantano inoltre un’ottima gastronomia locale. Anche quest’anno è stata confermata la stella Michelin “faroese” al ristorante KOKS – aperto nel 2011 – con un menu rigorosamente stagionale che unisce tradizione e modernità in modo semplice e delicato. Il ristorante si sposterà prossimamente in una nuova esclusiva location, una vecchia fattoria sul lago risalente al17esimo secolo, a 20 minuti dalla capitale.

Un’esperienza culinaria più accessibile ma altrettanto autentica, è rappresentata dall’Heimablíndi, che letteralmente significa “ospitalità a casa” , che offre ai turisti la possibilità dicenare in casa della gente locale, come ad esempio nella casa-fattoria di Anna e Óli, che in determinati giorni organizzano cene anche per vari gruppi di ospiti.

Ma i faroesi amano moltissimo anche la musica: tra gli eventi musicali più importanti il G-Festival dall’ 11 al 14 luglio 2018 nel villaggio di Gøta dove la musica locale incontra quella internazionale più stravagante e il Summer Festival che si tiene dal 9 all’ 11 agosto 2018 a Klaksvik.

Un’occasione in più per avvicinarsi ai locali e conoscere la loro cultura sono proprio i concerti in casa, organizzati a Gøta due volte a settimana durante l’estate, e per gli amanti del buon cibo la tendenza dei supper club – ristoranti in casa – ha raggiunto anche le Isole Faroe! A Velbastaður i locali aprono la porta delle loro cucine una volta a settimana nel periodo estivo.

Pur essendo piccole, le Isole Faroe offrono tante opportunità di escursioni e gite, dai vecchi sentieri che collegano i piccoli villaggi, ai percorsi di montagna con vista sull’oceano, accompagnati dal canto degli uccelli e circondanti da pecore e manti di erba verde. Tra le mete più spettacolari, le alte scogliere di Djupini, la zona di Akraberg con il famoso faro sulla punta più a sud, e l’isola di Stóra Dímun, abitata da una sola famiglia, un’occasione unica per scoprire da vicino la vita della gente locale. Per chi è amante del bird watching, tutta la costa ovest e in particolare l’isola di Mykines è un vero paradiso, con migliaia di pulcinelle di mare, sule e molti altri uccelli marini che è possibile ammirare da vicino. Sulle Isole Faroe infatti sono state identificate ben 300 specie di uccelli, dei quali un centinaio sono specie di uccelli migratori abituali del Nord Atlantico.

www.visitdenmark.it/it/isole-faroe

correlati

Le Tre Vaselle, il Resort & Spa immerso in un’atmosfera d’altri tempi

Torgiano, la parte centrale dell’Umbria, in quello che viene definito il “Cuore verde d’Italia” a pochi passi da Perugia e Assisi. Qui, tra dolci...

Giusy Versace – Benefit Gala Dinner

New York si mette a tiro e l’Italia risponde. In occasione della 50esima edizione della Maratona di New York prevista il prossimo Novembre la fondazione IASF presieduta da Alessandro...

Thonet presenta la sedia imbottita 520 di Marco Dessí

Da oltre 200 anni le bellissime sedute senza tempo di Thonet simboleggiano il piacere di ritrovarsi, sedersi insieme e celebrare le gioie della vita. Il progetto 520 che...

Paul Cézanne: 10 cose da sapere su di lui e sulle sue opere

Paul Cézanne fu un pittore francese anche se le sue origini erano italiane. Pare infatti che il suo cognome originario fosse Cesana, e che...