Home Benessere Sintomi gravidanza: dai primi giorni al primo mese

Sintomi gravidanza: dai primi giorni al primo mese

37599
sintomi gravidanza

Quando arriva una gravidanza, il corpo cambia da subito, e alcuni sintomi gravidanza si manifestano molto presto. Qualcuno li avverte in modo molto forte, qualcuno no, e non arriveranno necessariamente tutti, e non tutti insieme e con la stessa intensità. I sintomi di gravidanza sono tantissimi, sin dalle prime settimane, e vanno da pancia gonfia e mal di testa a nausea, vomito, febbre: a volte, se la gravidanza non è cercata, i primi sintomi di gravidanza vengono scambiati per i sintomi del ciclo mestruale o quelli di un’influenza!

Primi sintomi gravidanza

Nei primi giorni si verificano già tantissimi cambiamenti ormonali, che ovviamente possono alterare gli equilibri del corpo. Tra i primi sintomi di gravidanza, abbiamo detto, ci sono tantissimi sintomi che possono essere scambiati per altro. Tra i sintomi di gravidanza più precoci ci sono i crampi, che arrivano già nella prima settimana, e sono dovuti all’attaccamento dell’ovulo fecondato nella parete dell’utero. Alcuni dei sintomi più comuni, soprattutto all’inizio della gravidanza, sono tensione e gonfiore del seno, fastidio verso alcuni odori particolari, fame, una maggiore sensibilità e irritabilità, e dolori alla schiena. Un improvviso senso di stanchezza, inoltre, è tra i sintomi di gravidanza cha arriva anche nella prima settimana. 

Sintomi gravidanza: primi giorni

I sintomi di gravidanza dei primi giorni sono dovuti soprattutto agli sbalzi ormonali: prima di tutto mal di testa, ma anche sbalzi d’umore, irritabilità e forte emotività, che potrebbe arrivare fin da subito. Inoltre, gli sbalzi degli ormoni dei primi giorni causano delle onde di appetito incostante: a volte potreste avere davvero molta fame e spesso, a volte potreste non essere affamate come al solito: e spesso, soprattutto verso alcuni cibi, che improvvisamente amerete o odierete. Nei primi giorni, poi, potrebbero già arrivare altri sintomi di gravidanza: il ritardo mestruale (ovviamente), cambi nella sensibilità olfattiva, e prime e leggere perdite biancastre o di sangue, dovute all’impianto.

Sintomi gravidanza: prime settimane

Nelle prime settimane, poi, potrebbero arrivare tanti altri sintomi di gravidanza, tra cui:

  • Piccole perdite di sangue: sono più leggere che durante il ciclo mestruale, che in genere arrivano tra i 6 e i 12 giorni dopo la fecondazione. Sono perdite da impianto, dovute al corretto posizionante dell’embrione, ma possono essere scambiate per l’inizio della mestruazione.
  • Il seno diventa più sensibile: gli ormoni cambiano il corpo, e in particolare il seno, che viene preparato all’allattamento. Tra i sintomi di gravidanza delle prime settimane, infatti, c’è una sensazione di tensione e turgore del seno (simile a quello che alcune provano prima delle mestruazioni). Inoltre, i capezzoli diventano più scuri, a causa della pressione sanguigna che aumenta in gravidanza.
  • Sensibilità agli odori: gli ormoni cambieranno diversi parametri fisiologici, tra cui quelli della fame, i cui ritmi diventeranno irregolari, e l’olfatto. Tra i sintomi di gravidanza delle prime settimane, infatti, c’è il diventare più sensibili a certi odori, che diventeranno improvvisamente insopportabili.
  • Pancia dura e gonfia: la pancia si irrigidisce, a causa della produzione di progesterone dovuta all’inizio della gravidanza. Si sente tensione e gonfiore all’addome, normale e fisiologica. Se dovesse durare a lungo, però, potrebbe essere necessario sottoporti ad un controllo della pressione del sangue, perché potrebbe essere causato da ritenzione idrica associata a ipertensione. Associato a questo problema c’è poi la stitichezza, abbastanza comune in gravidanza.
  • Dolori allo stomaco e crampi: spesso avvengono dalla terza settimana in poi, e sono dovuti al fatto che l’utero si sia preparando ad accogliere il feto, in particolare con l’ingrossamento dei vasi sanguigni, che serve per portare tutto il sangue necessario.
  • Stimolo ad urinare spesso: si verifica sia nelle prime settimane che nelle ultime settimane di gravidanza. Inizialmente, il sintomo è dovuto al fatto che la muscolatura della vescica e dell’uretra vengono rilassate dall’azione del progesterone, facendo sì che si faccia più fatica a trattenere la pipì.

Sintomi gravidanza: primo mese

E nel primo mese, quali sono i sintomi? Non soltanto indizi, ma vero e proprio inizio dell’avventura della gravidanza: ecco i sitnomi ci ciò che succede al vostro corpo nel primo mese.

  • Nausea. Tra i primi sintomi che compaiono dopo il conceptimento, è anche uno di quelli che dura un po’ a lungo: di solito, si esaurisce in modo spontaneo entro la fine del terzo trimestre. Viene spesso chiamata nausea mattutina, perché per molte donne compare al matitno, quando si è a digiuno. Cosa può aiutare? Basta mangiare qualcosa di piccolo prima di alzarsi dal letto: una fetta biscottata o un biscotto. Altri accorgimenti hanno sempre a che fare con l’alimentazione: non mangiate porzioni troppo abbondanti, frazionate i pasti, non salite su mezzi di trasporto a stomaco vuoto, e state lontane da tutti quei sapori e odoro che (magari per la prima volta in vita vostra) trovate sgradevoli. Cosa causa la nausea? È l’ormone hCG, la gonadotropina corionica umana, che viene prodotta dall’embrione, ed è la stessa che viene rilevata nell’urina dai test di gravidanza. Normalmente, la nausea è molto fastidiosa ma non troppo intensa. Se invece diventa troppo, causa spesso vomito tanto da causare disidratazione e deperimento, è meglio rivolgersi al medico.
  • Leucorrea gravidica. Si tratta di perdite bianche, che vengono associate all’aumento dei livelli ormonali, soprattutto degli estrogeni. Le perdite in questione hanno lo scopo di pulire la zona vaginale, e non devono essere intese come un campanello d’allarme. Possono essere intermittenti e diversa intensità, anche molto abbondanti e dense.
  • Mancanza di mestruazioni. L’amenorrea, cioè l’assenza di mestruazioni, è il sintomo di gravidanza più comune e diffuso. Se il vostro ciclo è in ritardo, è consigliabile aspettare una settimana o due prima di sottoporsi ad un test di gravidanza, per evitare il rischio di falsi positivi o falsi negativi.

Fonti: PianetaMamma, Elle, NostroFiglio, Robadadonne, DolceAttesa

Vedi anche: Perdite bianche: cosa sono, prima del ciclo e in gravidanza