Home Lifestyle Chiamate WhatsApp: tutto quello che c’è da sapere

Chiamate WhatsApp: tutto quello che c’è da sapere

chiamate whatsapp

Le chiamate WhatsApp consentono di mettere in contatto ogni persona del mondo con un’altra grazie solo ad Internet. Nell’era del digitale, ormai WhatsApp ha scavalcato completamente altre applicazioni che consentono di poter chiamare e/o videochiamare.

La comodità di WhatsApp è che è un’applicazione che hanno davvero tutti, è molto intuitiva e facile da usare e tiene davvero in contatto tutto il mondo tra messaggi, chiamate, videochiamate e l’utilizzo di emoticon.

WhatsApp chiamate

chiamate whatsapp

L’applicazione di Whatsapp consente di poter chiamare e video chiamate tutti i contatti gratuitamente, sia che siano nel proprio paese oppure all’estero. Questa applicazione si basa sull’utilizzo della connessione Internet del proprio telefono, che sia WiFi o che siano dati mobili e la chiamate possono essere effettuate solo verso contatti presenti all’interno dell’applicazione di messaggistica: infatti, non è possibile poter chiamare i numeri di emergenza, come il 112 o il 118.

Per effettuare le chiamate WhatsApp tra i contatti, è necessario che sia chi inoltra la chiamata e chi risponde abbiano a disposizione una connessione Internet stabile, soprattutto per le chiamate di gruppo. Dalla stabilità della connessione dipende la qualità della chiamata.

Durante le chiamate vocali di gruppo, sarà possibile vedere l’elenco di tutti i partecipanti alla chiamata e il contatto che aggiunge alla chiamata collettiva è visibile in cima all’elenco. Durante quelle call non è possibile rimuovere nessun altro partecipante e non è possibile passare da una chiamata ad una videochiamata. In queste chiamate è possibile che si venga aggiunti a un gruppo in cui ci sia un contatto bloccato in precedenza ed aggiunto da qualcun altro, mentre non è possibile aggiungere di persona un contatto già bloccato o da cui si è stati bloccati.

Chiamate WhatsApp Windows Phone

Chi dispone di un telefono Windows Phone può effettuare chiamate e videochiamate. Occorre assicurarsi di avere a disposizione la versione più nuova dell’app e di fare, in caso, un aggiornamento. Per fare ciò, occorre accedere alla App Store, cercare l’app e dare il via al download sul proprio telefono.

Per iniziare la chiamata o una videochiamata di gruppo è sufficiente avviare la conversazione selezionando un contatto dalla lista della propria app, andando a toccare la voce “aggiungi persona” presente nella schermata principale, per includere altri partecipanti. Sembra che per il momento si possano aggiungere solo altri due partecipanti, oltre al primo chiamato, continuando a godere della crittografia end-to-end per avere il più alto livello di protezione e privacy.

Nel momento in cui si ricevono delle chiamate WhatsApp su Windows Phone, è opzionabile rispondere o ignorare la chiamata. Altrimenti, è possibile rifiutare la chiamata, quando si è all’interno della stessa applicazione, inviando un messaggio WhatsApp, toccando “rispondi con messaggio” e selezionando un messaggio rapido.

Chiamate WhatsApp gratis

chiamate whatsapp

Per poter effettuare delle chiamate con la app di WhatsApp è necessario ed indispensabile essere connessi ad una rete Internet, assicurandosi di avere una rete WiFi funzionante o di avere attiva una connessione per dati mobili. Chiamare con WhatsApp è facile, ed è gratis.

L’operazione non prevede dei costi aggiuntivi rispetto a quelli che si sostengono nel momento in cui si paga la connessione Internet che si utilizza normalmente, a seconda del proprio operatore di riferimento e delle promozioni attive sul proprio dispositivo. Per poter telefonare con questa applicazione, la prima cosa da fare è verificare che sul dispositivo che si usa sia presente la versione più aggiornata.

Se ci sono aggiornamenti disponibili è meglio farli ma si può anche disinstallare e reinstallare l’applicazione in caso di dubbi. Se si dispone del sistema operativo iOS, per poter chiamare è sufficiente andare nella lista contatti dell’applicazione, selezionare il nome della persona da chiamare. Una volta aperta la chat, basta pigiare sulla cornetta e attende che la chiamata venga inoltrata.

La stessa cosa vale per la videochiamata: per attivare la videocamera basta pigiare sull’apposito pulsante. Con Android il sistema per chiamare è pressoché simile: selezionare la persona da chiamare, pigiare sul pulsante della cornetta e dare il via alla chiamata. In una telefonata a due, inoltre, è possibile passare da una chiamata a una videochiamata senza problemi.

Bloccare chiamate WhatsApp

chiamate whatsapp

Bloccare le chiamate in arrivo su WhatsApp non è possibile, ma esistono modi alternativi. I motivi sono diversi: non essere disturbati durante la giornata o in un preciso momento, evitare chiamate da persone poco gradite o ridurre il consumo dei dati. Qualsiasi sia la motivazione, si può ridurre il fastidio di chiamate e videochiamate tramite altri metodi.

Ad esempio, come prima cosa si possono disattivare le suonerie e le vibrazioni: così facendo una chiamata che verrà inoltrata verso il proprio dispositivo risulterà silenziata. Questa modalità è possibile effettuarla con tutti i contatti o solo con uno o con un gruppo preciso. Un altro modo, sebbene più drastico, è bloccare uno specifico contatto, anche temporaneamente.

Sicuramente il problema, in questo caso, si risolve, ma non si potrà essere contattati nemmeno tramite messaggi. Invece, per evitare di consumare troppo traffico dati, è possibile ridurne il consumo, selezionato l’apposita voce che si trova nelle impostazioni di WhatsApp stessa.

Registratore di chiamate WhatsApp

Se si sta cercando un modo per registrare le chiamate WhatsApp dall’applicazione stessa, è bene sapere che non è possibile farlo. Tuttavia, si può ovviare al problema in altri modi. Sia per iOS che per Android, è possibile scaricare ed installare sul proprio telefono un’applicazione Call Recorder che consenta di poter registrare non solo la schermata, ma anche l’audio senza cali di qualità.

È bene precisare che in questo caso la funzione non appartiene a WhatsApp e che, quindi, non vi è la sicurezza e la privacy che la stessa app garantisce.

Fonti: Aranzulla, webnews, faq.whatsapp