I Suoni delle Dolomiti, un quarto di secolo di musica in quota

Pubblicità
Pubblicità

Centinaia di concerti e artisti, decine di migliaia di metri di dislivello percorsi a piedi, innumerevoli strumenti portati in spalla fino a radure, conche e rocce, un pubblico sempre numeroso che anno dopo anno ha conosciuto e amato assieme alla musica anche la natura della montagna, dimostrando anche un grande rispetto per l’ambiente. L’elenco e i numeri potrebbero continuare perché in 25 anni di storia, I Suoni delle Dolomiti hanno dato vita a qualcosa di nuovo. La grande novità dell’edizione 2019 è che per la prima volta viene proposta l’Opera con “Il Barbiere di Siviglia” di Gioachino Rossini, in scena a 2000 metri di quota (Pian della Nana in Val di Non nel Gruppo del Brenta).

Sin dalla sua nascita il Festival trentino di musica in quota ha una peculiarità: salire fino ai luoghi dei concerti percorrendo gli itinerari a piedi, magari insieme agli artisti, per poi sedersi in radure o all’ombra di imponenti rocce dolomitiche e abbandonarsi ad altri ritmi: suoni e delle musiche provenienti da tutto il mondo.

Concerti che regalano emozioni, ricordi, riscoperte, colori, incontri, sono racconti, condivisioni, sono anche prime e ultime volte visto che ogni concerto dei Suoni è irripetibile per il mix di artisti, luoghi e persino contesto meteorologico che lo caratterizza.

Nella venticinquesima edizione (28 giugno-15 settembre) si ritrova tutto quanto conquistato in questi anni: musiche da tutto il mondo, grandi artisti, sentieri e natura. Il Festival inoltre si allunga e propone appuntamenti fino al 15 settembre, un’occasione per scoprire un mese particolarmente affascinante in montagna.

Tutti i concerti avranno inizio alle ore 12 quando non diversamente indicato.

www.isuonidelledolomiti.it

correlati

Al via la prima edizione di Roma Jewelry Week

Apre ufficialmente il bando per la prima edizione di Roma Jewelry Week. L’evento si propone di valorizzare il gioiello contemporaneo, d’autore, d’artista e realtà...

David Michelangelo: 10 cosa da sapere

Il David di Michelangelo non è solo un'opera o una scultura, ma è molto di più. E' un simbolo che rappresenta Firenze e tutta...

Tina Modotti e Robot, il Mudec di riparte da due mostre

Il Mudec, Museo delle Culture di Milano riapre ai visitatori il 1 maggio con due mostre Tina Modotti. Donne, Messico e Libertà e Robot. The...

I consigli di Marc Mességué per potenziare il buon umore

Il Park Hotel ai Cappuccini di Gubbio si è sempre distinto, sin dalla fondazione, per l’importanza attribuita alla rigenerazione di corpo e anima, rispettando lo spirito dell’antico convento...