Home Arte Sandro Chia, i suoi guerrieri XI’AN in mostra a Milano

Sandro Chia, i suoi guerrieri XI’AN in mostra a Milano

333
Sandro Chia mostra Milano
Sandro Chia, Guerrieri di Xi'an_Guerriero, 2010

La mostra Sandro Chia. L’esercito dell’imperatore, dedicata a uno dei più noti protagonisti della Transavanguardia, inaugura il nuovo spazio milanese della galleria Area\B. Fino al 19 luglio 2019 viene proposta un’accurata selezione dei guerrieri di XI’ANsei statue in terracotta policroma a dimensione naturale e un cavallo, esposti insieme ad una serie di dipinti di grandi dimensioni.

La scelta per l’esposizione di apertura, curata da Alberto Fiz, coinvolge uno degli artisti italiani maggiormente conosciuti e s’inserisce nella programmazione di una galleria che aggiunge all’originario interesse per le ricerche emergenti una specifica attenzione per autori storicizzati e consolidati.

La personale di Sandro Chia rappresenta l’occasione per riflettere su un’esperienza artistica di particolare significato in cui l’artista si appropria dell’archeologia per decontestualizzarla e, nello stesso tempo, attualizzarla.

Sandro Chia. L’esercito dell’imperatore, la seconda vita dei soldati dell’imperatore che diventano, grazie all’uso del colore, icone della contemporaneità

 Com’è noto, i guerrieri dell’esercito di terracotta risalenti al III secolo a.C., scoperti per caso da un contadino durante lo scavo di un pozzo, costituiscono uno dei più importanti rinvenimenti, il sito ne ospitava 500 con oltre cento cavalli, della storia cinese inseriti nell’elenco dei Patrimoni dell’umanità dell’Unesco. Su questi soldati d’argilla provenienti dalla regione di XI’AN, destinati a servire il primo imperatore cinese Qin Shi Huang nell’aldilà, Chia ha realizzato un intervento pittorico consentendo di evocare la matrice originale rispetto ad esemplari che già alla loro nascita erano dipinti con colori vivaci.

L’artista fiorentino ha voluto immaginare nuovamente l’esercito cinese e dopo aver realizzato, tra il 2009 e il 2010, una serie di copie fedeli in terracotta, le ha svelate attraverso un uso trasgressivo del segno pittorico. La sua azione, accompagnata da colori forti, dall’arancione al blu elettrico, permette di dare una seconda vita ai soldati dell’imperatore che diventano, a 2000 anni di distanza dalla loro creazione, icone della contemporaneità, come se si fossero svegliati da un lungo sonno.

“Chia agisce sulla pelle della scultura – spiega il curatore Alberto Fiz – con innesti, tatuaggi e improvvise contaminazioni (si potrebbe persino parlare di body painting) lasciando immutato il corpo originale. In tal senso, la sua azione appare carica di forte ambiguità dove lo svelare porta con sé un’azione di occultamento. In tal modo, la nostalgia verso l’antico diventa catartica per rileggere la realtà di oggi. L’artista toscano, dunque, costruisce i suoi mascheramenti e ci invita ad osservare l’esercito risorto, ben consapevole che la sua pittura assume un potere linguistico destabilizzante”.  

Leggi anche: Le architetture archetipiche di Andrea Branzi in mostra a Milano