Le regole d’oro per il guardaroba perfetto secondo Toscanini

- Pubblicità -
Pubblicità
Pubblicità

Avere uno spazio in cui riporre in modo ragionato i vestiti, scarpe e accessori semplifica le giornate di tutti, permettendo di guadagnare preziosi minuti da dedicare a noi stessi. Toscanini lo sa bene. Per questo ha deciso di svelare qualche trucco su come gestire un guardaroba che possa soddisfare donne, uomini e bambini. Un armadio bello e funzionale, che rifletta la personalità di ognuno e contribuisca a rendere ancora più unica la propria casa. Un esempio? Confetti è una linea di portabiti e porta accessori pensata per aggiungere un tocco pop al guardaroba, in linea con gli ultimi trend dell’interior design.

La collezione Confetti comprende il modello Irene, un portabito in legno di faggio non trattato, con gancio e parte inferiore colorati, e A-Nello Big (nella versione non apribile per sciarpe e foulard- foto di apertura), sempre in faggio non trattato con il gancio colorato.

Irene è disponibile in 6 varianti di colore: arancione/red cherry/fucsia e dusty blue/giallo intenso/verde menta. A-Nello è proposto nelle tonalità fucsia, dusty blue, giallo intenso e verde menta. Una tavolozza cromatica vivace con cui donare uno stile trendy e glamour al proprio guardaroba.

www.toscanini.it

correlati

La collezione inverno La Perla Home by Fazzini

È nella preziosità delle lavorazioni sartoriali e nel fascino delle creazioni di moda che nasce la collezione de La Perla Home by Fazzini. Le...

Lumina Sand Art by Fap ceramiche

Le ceramiche FAP nascono da quell’ambizione estetica che conduce a sperimentare nuove tecniche artistiche e artigianali attraverso processi creativi che realizzano i sogni estetici di...

La cucina è un “regno”: Ron Gilad disegna GP Kitchen

La cucina è un "regno": Ron Gilad disegna GP Kitchen. Un progetto custom per il quale è stato scelto il miscelatore per cucina Levo...

La bellezza dell’abitare di Tonin Casa

Ci siamo sentiti e continuiamo a sentirci in gabbia e non importa quanto dorata possa essere la gabbia, con la sua metafora di clausura...