Home Arte I “paesaggi TV” di Mario Schifano a Milano

I “paesaggi TV” di Mario Schifano a Milano

286
Mario Schifano mostra Miano
Mario Schifano, Senza titolo, 1973-78
 

Studio Guastalla Arte Moderna e Contemporanea ospita, dal 27 novembre al 25 gennaio, Mario Schifano. In onda TV, una mostra di circa quindici “paesaggi TV”, smalti su tela emulsionata.

Realizzate a cavallo tra tra ’60 e ’70, Schifano vive in quegli anni in uno studio in cui decine di televisori sempre accesi (senza volume) inondano il suo spazio visivo con un flusso ininterrotto di immagini, mentre le finestre chiuse bloccano la visione sull’esterno. L’artista, con un’incredibile preveggenza (nell’Italia dei due canali statali che trasmettevano in realtà ad orari contingentati, mentre la fine delle trasmissioni veniva segnalata da un’immagine fissa sullo schermo) capisce che sempre di più vivremo immersi nelle immagini, che il pittore non dovrà neppure più cercare ispirazione all’esterno, perché sarà l’esterno a cercare lui, basterà rimanere sintonizzati.

Mario Schifano. In onda TV, il nuovo paesaggio italiano, direttamente a casa, senza più bisogno di uscire

In mostra, 15 paesaggi TV, opere  in cui l’artista fissa un’immagine televisiva, da lui fotografata, emulsionandola sulla tela e trasformandola attraverso la pittura. Il plexiglass conferisce poi all’opera la dimensione lucida e riflettente che allude allo schermo televisivo. In sintonia con altre ricerche di quegli anni Schifano spersonalizza l’opera, che non è più il frutto di una creatività romantica unica e irripetibile. L’artista è piuttosto colui che coglie immagini trasmesse da un mezzo meccanico, che poi lui coglie con un altro mezzo meccanico, la fotografia, e che poi meccanicamente emulsiona sulla tela, e solo all’ultimo ritocca personalmente l’immagine con lo smalto.

In queste immagini leggermente sfocate, poco nitide e brillanti, inserite all’interno della cornice nera stondata del tubo catodico, ritroviamo gli orologi con le lancette dell’ora esatta, le immagini fisse delle città italiane con il nome scritto, trasmesse all’intervallo, citazioni dalla storia dell’arte tratte dalla trasmissione “Maestri italiani del 900”, fotogrammi con personaggi politici dai telegiornali ma anche frammenti, ingrandimenti, particolari, macchie di colore. Sono Paesaggi TV, il nuovo paesaggio italiano, direttamente a casa, senza più bisogno di uscire.

Leggi anche: Divisionismo, a Novara una mostra sulla prima avanguardia italiana