Marchi Cucine e lo stile industriale di LOFT

- Pubblicità -
Pubblicità
Pubblicità

Ogni dettaglio della nuova linea LOFT di Marchi Cucine, racconta parte del processo creativo che ha portato alla sua realizzazione. Una cucina dal gusto industriale e metropolitano dove il metallo disegna elementi d’arredo che si combinano in perfetta armonia con il legno dei pensili. Una cucina di grande impatto visivo che soddisfa esigenze funzionali ed estetiche senza rinunciare mai alla qualità dei materiali e delle finiture.

Lo stile industriale di LOFT non lascia nulla al caso. Si tratta di un modello ricco di particolari come il lavello in acciaio in appoggio sul piano bordato in metallo opaco, l’elemento metallico sospeso che contiene la cappa, il piano porta oggetti e il frigo-congelatore a due ante con rivestimento in metallo “puzzle” rivettato a mano.
Anche la gamma colori sui toni pastello, con cui è proposta la cucina, crea effetti cromatici e materici in grado di esaltarne le forme. LOFT è adatta a grandi spazi ma, grazie alla capacità artigianale e la versatilità produttiva dell’azienda, la cucina può essere personalizzata anche per ambienti più ridotti. L’alta qualità dei materiali, la cura delle sue lavorazioni e delle rifiniture rendono LOFT una cucina dallo stile “factory” unica nel suo genere.

 
www.marchicucine.it

correlati

La collezione inverno La Perla Home by Fazzini

È nella preziosità delle lavorazioni sartoriali e nel fascino delle creazioni di moda che nasce la collezione de La Perla Home by Fazzini. Le...

Lumina Sand Art by Fap ceramiche

Le ceramiche FAP nascono da quell’ambizione estetica che conduce a sperimentare nuove tecniche artistiche e artigianali attraverso processi creativi che realizzano i sogni estetici di...

La cucina è un “regno”: Ron Gilad disegna GP Kitchen

La cucina è un "regno": Ron Gilad disegna GP Kitchen. Un progetto custom per il quale è stato scelto il miscelatore per cucina Levo...

La bellezza dell’abitare di Tonin Casa

Ci siamo sentiti e continuiamo a sentirci in gabbia e non importa quanto dorata possa essere la gabbia, con la sua metafora di clausura...