Lo scrittoio S 1200 di Thonet

- Pubblicità -
Pubblicità
Pubblicità

Concepite per risparmiare spazio, le piccole scrivanie sono diventate, negli ultimi anni, un componente d’arredo indispensabile nella case contemporanee. Thonet propone oggi lo scrittoio S 1200, disegnato appositamente per creare un angolo di lavoro-studio in casa. Il progetto di Randolf Schott si ispira alla collezione dei mobili classici in stile Bauhaus sviluppati in casa Thonet.

Lo scrittoio poggia su un telaio in tubolare d’acciaio, la cui inclinazione è studiata proprio per consentire alla persona di alzarsi comodamente in piedi e il poggiapiedi garantisce una postura rilassata. Un ingegnoso sistema di gestione dei cavi permette di nascondere allo sguardo gli inestetici fili elettrici: le spine multiple scompaiono dentro ad una rete applicata sotto al piano della scrivania, mentre i cavi passano invisibili dalla scrivania alla presa di corrente attraverso speciali clip dotate di calamita (ThonetClip®) che possono essere fissate in qualsiasi punto del telaio posteriore in tubolare d’acciaio.

Lo scrittorio compatto, raffinato e funzionale S 1200 si abbina perfettamente agli altri mobili in tubolare d’acciaio di Thonet e a tutte le sedie e poltrone della collezione.

it.thonet.de

correlati

Il tour di James Blunt riprogramma le date italiane

Il tour di James Blunt, che avrebbe dovuto far tappa in Italia il 2 ottobre 2020 a Padova alla Kioene Arena e il 3...

Design in cucina con R1 di Rastelli

Grande classico per il mondo della moda, il nero è ormai un colore di riferimento anche per il mondo del design. Elegante e senza...

Il carattere del legno nella collezione Iride di FerreroLegno

Ricerca progettuale, alta qualità, design, innovazione nelle finiture e una spiccata green attitude sono i valori su cui ruota la ricerca di confort e...

Turri sceglie i tessuti Loro Piana Interiors

Un percorso all’insegna del cambiamento, una virata stilistica per raggiungere il gusto contemporaneo, collezioni che propongono un nuovo modo di vivere nella bellezza. Turri prosegue il...