Ready-to-Wear, la collezione Chanel primavera-estate 2021

Pubblicità
Pubblicità

Charlotte Casiraghi, la nuova ambasciatrice e portavoce di CHANEL, illumina la campagna per la collezione Ready-to-Wear Primavera-Estate 2021, scattata nel leggendario Principato di Monaco da Inez van Lamsweerde e Vinoodh MatadinLa storia della vita di Charlotte a Monaco è iniziata con l’idea cinematografica del giorno per la notte”, spiega il duo di fotografi olandesi. “Mettere in scena gli allestimenti in luoghi simili sia di notte sia di giorno è stato il punto di partenza di questa serie in cui Charlotte oscilla tra sogno e realtà. È reale, ci chiediamo, o è un’apparizione che vaga in un luogo a cui potrebbe non appartenere completamente?” Un’ode alla settima arte dove l’incanto compete con il fascino. “Charlotte ha una qualità misteriosa, una dualità push-pull che enfatizza il nostro gioco sulla fusione di realtà e sogno”, aggiungono.

Giorno e notte, in bianco e nero o a colori, a bordo piscina o nell’intimità di una camera da letto, Charlotte Casiraghi incarna, in questo mitico Monaco, un’idea precisa di cinema che ha ispirato Virginie Viard per la collezione. Certe parole vengono in mente quando si contemplano queste silhouette, come i flash su un tappeto rosso. A cominciare dal glamour: un lungo gilet in tweed nero senza maniche decorato con fiocchi indossato su pantaloni fluidi, un abito in tweed nero iridescente con colletto e polsini in raso, un completo di chiffon ricamato con paillettes, una giacca e una gonna di pelle, un abito nero senza spalline in tweed e chiffon. Poi raffinatezza: un abito lungo in chiffon plissettato stampato con le lettere “CHANEL”, un abito rosa e blu navy con cintura come un cardigan, un abito ecrù in tweed di cotone enfatizzato da una treccia, un abito lungo in crêpe de Chine stampato con piccoli fiori. Infine, allegria e colore: un maglione rosso di cashmere ricamato su un paio di pantaloni capri, un abito di tweed a righe ornato di bottoni gioiello.

#CHANELSpringSummer

correlati

Pubblicità