Aaron Garber-Maikovska la prima personale milanese alla Massimo De Carlo

Immagine di Copertina: Aaron Garber-Maikovska, Upa Sway, 2020 (Dettaglio) Fonte Immagine: massimodecarlo.com

Pubblicità
Pubblicità

La Galleria Massimo De Carlo ospita, negli splendidi spazi di Piazza Belgioioso, Yucaipa la prima personale milanese di Aaron Garber-Maikovska. Per l’occasione, l’artista di Los Angeles presenta un nuovo corpo di nuovi lavori astratti e due video sculture.

Il lavoro e la pratica artistica di Garber-Maikovska sono fortemente legate al corpo. Inteso come luogo di indagine percettiva, fisica, concettuale e spirituale il corpo diventa la premessa dell’atto pittorico dell’artista americano. Una reazione somatica, tra movimento, performance, linguaggio e pittura che si sinterizza perfettamente nel suo linguaggio visivo.

Yucaipa, colori intesi, dinamismo e movimento nei lavori di Aaron Garber-Maikovska

Yucaipa, titolo della mostra, fa riferimento a una città della California meridionale dove l’artista si è esibito in più occasioni. Un luogo  archetipo di tutti i luoghi legati alle sue performance, ambienti che l’artista identifica per lo stato di transizione in cui si trovano e pertanto fluidi, dinamici e ricchi di opportunità.

Aaron Garber-Maikovska mostra Massimo De Carlo
Immagine della mostra Yucaipa di Aaron Garber-Maikovska. Fonte Immagine: massimodecarlo.com

In mostra una nuova serie di sei ampi dipinti astratti e due video-documenti installati orizzontalmente su sculture mobili. Le tele, eseguite con movimenti ritmici e tangibili, appaiono come membrane che assorbono e rilasciano energia. I colori sono intensi e luminosi, la composizione è dinamica e l’andamento ondulato di forme e linee richiama quello dello sviluppo sonoro.

Un processo pittorico che si fonde con la performanceAaron Garber-Maikovska è in grado di assumere il controllo della propria fisicità attraverso un’affermazione di natura somatica, resistendo alla meccanicità delle azioni quotidiane e alle imposizioni delle dinamiche corporative. Il cambio di prospettiva, anziché destabilizzare, fornisce all’artista nuovi canali per esperire un’energia inedita, leggera e dinamica, che, assorbita nel corpo, trasferisce successivamente nella propria pittura.

I due video in mostra rappresentano la documentazione di questa metodologia. I monitor, montati orizzontalmente su ruote girevoli, sono concepiti come un’esperienza autonoma e indipendente dai dipinti. Omnidirezionali, essi stabiliscono all’interno della mostra la propria ragione d’essere e rappresentano un flusso di energia piatta e orizzontale che avviene simultaneamente a quello verticale dei dipinti.

Leggi anche: SOPHIE ULLRICH, BORED QUEEN OVERLOOKS HER FIELDS ALLA TUBE CULTURE HALL DI MILANO

correlati

Il regalo perfetto per ogni mamma con Pandora

Se sei alla ricerca del regalo perfetto per la festa della mamma, scegli dei gioielli classici Pandora perché dimostrano tutto il tuo affetto. In questa...

Christian Tasso, Nessuno Escluso. Diversità ed inclusione alla Fabbrica del Vapore

Nessuno Escluso, questo il titolo della mostra fotografica di Christian Tasso dedicata ai temi della disabilità e dell'inclusiva, dal 5 al 28 maggio, alla Fabbrica...

Futuroremoto Gioielli presenta la collezione Falene

Piccole creature della notte, che popolano i sogni dei virtuosi, divengono inaspettati gioielli che muovono l’immaginazione e il desiderio di chi li indossa. È...

I borghi più suggestivi dell’Alto Adige

Tirolo è il nome del paese che si trova appena sopra Merano, noto a tutti per l’importante castello da cui prende il nome. Si tratta di...