Come scegliere il giusto profumo per ogni occasione?

Foto di @felipepelaquim da Pexels

Pubblicità
- pubblicità -

Il “compito” del profumo è descrivere la persona che lo indossa e lasciare un’impronta di sé. Ma un’essenza ha anche il potere di far ritornare alla mente molti ricordi, momenti belli o attimi legati a persone speciali. Infatti molto spesso si sceglie di indossare proprio la fragranza abitualmente utilizzata da una persona amata, in modo da avere sempre addosso quello stesso odore, capace di riportare alla mente gli istanti più felici.

- Pubblicità -
 

Ma i profumi uomo sono diversi da quelli da donna, sono più forti e durevoli, e contengono ingredienti che, combinati insieme, riescono a farsi sentire e a rimanere nella memoria olfattiva di chi li percepisce. I profumi uomo sono speziati, con tonalità calde e avvolgenti, e sono caratterizzati da una particolare persistenza, data dalla quantità delle materie odorose, delle essenze naturali contenute e dalla percentuale delle stesse. Eau de parfum ed eau de toilette, però, prevedono due formulazioni diverse, che ne determinano intensità e durata.

La formula dell’eau de parfum, contempla una percentuale di essenze che oscilla tra il 15% e il 20%, ed è la scelta ideale per chi ama sentire, e soprattutto lasciar sentire il proprio profumo, per tutto il giorno. L’eau de toilette, invece, è più leggera, con una durata sulla pelle decisamente inferiore, ed è quindi un tipo di fragranza estremamente “discreta”, a prescindere dalle essenze che contiene, e risulta essere quella più adatta da indossare quotidianamente, in qualsiasi contesto.

Il regalo preferito dalle donne

- Pubblicità -

Che sia eau de toilette, oppure eau de parfum, il profumo rimane sempre uno dei regali più scelti dalle donne. Non importa se il dono è destinato al proprio padre, o magari ad un fratello, un semplice amico, o al nuovo fidanzato: quando si regala una fragranza, è sempre bene selezionare quella che ci riporta alla mente la persona alla quale il dono è destinato. Si tratta di un gesto dal forte significato, che serve a dimostrare l’effetto di chi lo sceglie e soprattutto dà l’idea di quanto si conosca la persona che lo riceve.

Abbinare una fragranza agrumata ad un uomo dallo stile sempre elegante ed impeccabile, e dalla personalità anche vagamente ombrosa, non sarà certo la scelta più felice, e non lo sarà neanche scegliere il profumo solo perchè legato ad un brand famoso. Gli uomini non sono schiavi della moda e delle tendenze, per loro quello che conta è che l’essenza li rappresenti, racconti quello che di loro conta veramente, e soprattutto abbia il potere di lasciare un ricordo di sé, in chiunque.

Questione di pelle

La qualità che gli uomini cercano maggiormente in un profumo, dunque, è la persistenza, la capacità di rimanere al lungo sulla pelle. In questo senso la cute gioca un ruolo fondamentale. Quando l’epidermide è secca, o comunque poco idratata, trattiene di meno l’essenza perchè priva di sebo. Il momento migliore per vaporizzare il profumo sulla pelle, ed ottenere così una persistenza ideale, dunque, è quello immediatamente successivo alla detersione, ma anche applicare una lozione idratante può essere di grande aiuto, per i signori uomini.

La durata del profumo sulla pelle, dipende anche dalla zona in cui l’essenza viene applicata. Le aree migliori sono quelle che restano sempre “in movimento”, come ad esempio l’incavo del gomito, e ciò permette al profumo di circolare e diffondersi continuamente. Una delle zone da trattare in modo diverso, invece, è quella dei polsi. Vaporizzare il profumo e poi subito dopo strofinarli tra loro, si rivelerà un’azione oltremodo sbagliata, che causerà l’evaporazione dell’essenza in poco tempo, a causa del calore provocato dallo sfregamento stesso. Al contrario, invece, applicare l’essenza e lasciare che da sola penetri sotto la pelle, contribuirà a prolungarne la durata. Le zone ideali per applicare il profumo, però, restano il collo, le orecchie e il torace.

- Pubblicità -
Pubblicità