Le pietre Antolini protagoniste in una residenza privata nel centro di Verona

Protagoniste del progetto di una residenza privata in centro a Verona, firmato dall’Architetto Mario Santini, le pietre naturali Antolini hanno consentito al progettista di coniugare il proprio linguaggio progettuale in stile rivisitato anni ’50 con il desiderio della proprietà di realizzare un restyling moderno, elegante e rigoroso. All’interno di ambienti dall’anima al tempo stesso razionale calda, le pietre naturali Antolini esprimono una cifra stilistica contemporanea cui fanno da contrappunto estrose note post classiche, espressione dell’eccentrica creatività dell’architetto.

Significativa la scelta di accostare materiali diversi, sia per animare un vivace dialogo tra stili, colori e materiali, sia per caratterizzare singolarmente ogni ambiente. Protagonista della casa, la cucina diventa fulcro della vita famigliare accentrando emozioni e funzioni, diventando contemporaneamente luogo tecnico, vetrina, area privata in cui accogliere ospiti e amici. All’interno della cucina, che si affaccia sul dining, è stata creata un’isola con top interamente rivestito con l’esclusivo granito Black Cosmic in finitura Lether, sul quale sono stati inseriti il piano a induzione e un lavandino a scomparsa.

Il risultato è un ambiente sofisticato e intrigante, rigoroso e accogliente, un colpo d’occhio che non lascia spazio a percezioni sfumate. Si ritrova il granito Black Cosmic Antolini in finitura Lether anche nella zona living. Posta nella parte bassa della libreria permette l’inserzione di un camino, che diventa magico luogo di incontro tra materiali naturali ed elementi atavici come la pietra, il legno e il fuoco.

La sinergia tra le pietre naturali Antolini e l’elemento d’arredo rappresentato dalla carta da parati, leitmotiv dell’intero progetto, prosegue nei bagni. In una delle due toilette, la carta da parati del marchio inglese Cole & Son, su disegno a tema naturalistico di Fornasetti, celebra uno scenario inaspettato. La scelta dell’architetto Mario Santini si è rivolta qui al marmo Silver Roots, dove i toni delicati del grigio, a rivestimento del lavandino a parallelepipedo e della parete perimetralecontrastano con le cromie vivaci e decise della carta da parati, generando un interior di grande fascino estetico

Anche il bagno padronale è arredato con il marmo Silver Roots in finitura Lether utilizzato per il piano orizzontale, i lavabi, le superfici verticali e la doccia. Ne esce uno scenario in cui il mix di elementi naturali seduce, inganna e anche diverte. La pietra di Antolini è, infatti, abbinata a un’inedita carta da parati tridimensionale di Pierre Frey che richiama il disegno delle canne di bambù, restituendo la percezione di un ambiente quasi outdoor, votato alla rigenerazione fisica e mentale.

In questo progetto d’interior estroso ed elegante, le pietre naturali Antolini si rivelano uno straordinario elemento d’arredo capace di innescare dialoghi tra stili e materiali diversi, dando vita ad ambienti unici ed esclusivi. Un magnifico innesto di creatività, esigenze progettuali e gusti stilistici.