Marte si avvicina alla terra dopo 11 anni

Pubblicità

Una situazione che non si vedeva da parecchio tempo, undici anni per l’esattezza: questo il tempo che ha impiegato Marte, il pianeta rosso, per riavvicinarsi di nuovo alla terra così da poter essere visibile anche agli appassionati di astronomia, che avranno di nuovo per le mani l’occasione di sbirciare il pianeta. Sarà infatti il terzo corpo più luminoso del cielo dopo il sole e la luna, superando Giove. Basterà un telescopio per poter osservare meglio la superficie del disco, e notarne tutte le imperfezioni e i cambiamenti di colore esattamente come è possibile fare normalmente con la luna.

Il momento di maggiore vicinanza si è registrato ieri sera alle ore 23:34 ora italiana, e il pianeta è ora quindi in fase di allontanamento una volta ancora, ma c’è ancora qualche speranza di catturarlo in visione di nuovo per qualche ultima sbirciata: d’altronde come osservato dall’astrofisico Gianluca Masi «questo è il momento migliore per osservarlo, perché la luna sorge più tardi e il cielo buio permette di apprezzare il suo caratteristico colore rosso.»

- Pubblicità -
Pubblicità