Torna nel week-end la ventiduesima edizione di Miart

Pubblicità
Pubblicità

Si svolgerà nei padiglioni di Fieramilanocity dal 31 marzo al 2 aprile 2017, la ventiduesima edizione di Miart, la fiera internazionale d’arte moderna e contemporanea di Milano. 174 gallerie internazionali da 14 Paesi oltre 60 curatoridirettori di museo e personalità da tutto il mondo coinvolti nelle sezioni della fiera, nelle giurie dei premi e nei talk.

Miart si presenta, anche quest’anno, come una fiera che articola un intenso dialogo tra arte moderna, contemporanea e design, tra sperimentazione e maestri del Post-War. Le sezioni principali sono 5: Emergent, First Step, Established Contemporary ed Established Masters. A riprova dell’ampiezza dell’offerta cronologica dall’arte delle generazioni più recenti fino ai maestri del secolo scorso.

Milano al centro del mercato dell’arte con Miart 2017

“Sono felice di presentare il progetto di Miart 2017” dichiara Alessandro Rabottini, nuovo Direttore Artistico della fiera “che fa tesoro del lavoro svolto fino a ora, ampliandone contenuti e parametri. Insieme con i molti professionisti e curatori che costituiscono il team di Miart 2017 abbiamo pensato a una fiera che guardi alle molteplici dimensioni del mercato dell’arte, e che possa offrire al nostro pubblico uno spettro molto ampio della produzione artistica, dalle ultimissime generazioni fino ai capolavori del secolo scorso. In questa nuova veste la fiera consolida la sua struttura e stabilisce un dialogo sempre più forte con il collezionismo, le gallerie e le istituzioni”ù

Miart 2017 Milano

Negli ultimi anni Miart si è imposta infatti come una piattaforma internazionale dove arte moderna, arte contemporanea e design d’autore dialogano incessantemente in un fertile connubio di valori consolidati e sperimentazione.

Anche per l’edizione 2017 la fiera si conferma come punto di riferimento per collezionisti, professionisti e amanti dell’arte da tutto il mondo. Un’inteso programma fieristico accompagnato dalle ormai consolidate collaborazioni e dal sostegno delle principali istituzioni culturali di Milano, come PAC (Padiglione d’Arte Contemporanea), Palazzo Reale, Museo del Novecento, GAM, Triennale di Milano, Fondazione Prada, Fondazione Nicola Trussardi, Fondazione Carriero, HangarBicocca e le sue tante Case Museo.

Leggi anche: “Sixty Last Supper” di Andy Warhol torna a Milano a 30 anni dall morte dell’artista

correlati

NOOR-Tips per una pelle rinnovata

Come far rifiorire la pelle in tre semplici step con i prodotti NOOR: Detergere e pulire in profondità la pelle con Plenaire 3in1 Tripler Exfoliating Clay. Si tratta di...

Laghi italiani: i più belli da vedere assolutamente

L'Italia è un Paese ricco di acqua. In primis perché essendo una penisola è bagnato su più fronti da diversi mari e poi anche...

Botero: 10 cose da sapere su di lui e sulle sue opere

Fernando Botero è un pittore e scultore colombiano del 1932. Nel corso della sua vita ha viaggiato molto ed è stato influenzato dalle arti...

La funzionalità e il design di Brid by Phoebe

Il gruppo Colorobbia – azienda sinonimo di qualità indiscussa dal 1921– presenta Phoebe, il nuovo marchio che rappresenta l’anima più avanguardista del portfolio Colorobbia specializzato in progetti di alta...