Il mondo onirico di Botero in mostra a Roma

Pubblicità
Pubblicità

Un mondo onirico che squarcia il velo e detta la legge creativa di uno dei più grandi artisti del nostro tempo: Fernando Botero.

Un linguaggio pittorico inconfondibile fatto di forme e volumi, di sensualità e rimandi fiabeschi e fantastici che sarà in mostra a Roma, in una grande esposizione personale, fino al 27 agosto presso il Complesso del Vittoriano.

Una prima assoluta per la grande retrospettiva su Botero

La mostra Botero è la prima grande retrospettiva sull’artista colombiano di Medellin, che rende omaggio, in occasione del suo 85esimo compleanno, alla sua arte e ai suoi 50 anni di carriera, dal 1958 a al 2016.

Fernando Botero mostra Roma
Fernando Botero, Donna seduta, 1997

Un retrospettiva che restituirà la percezione della dimensione onirica di Botero, in cui è forte la nostalgia di un mondo che non c’è più.

Uomini, animali, vegetazione i cui tratti e colori brillanti riportano immediatamente alla memoria l’America Latina dove tutto è più vero del vero, dove non c’è posto per la sfumatura e che anzi favorisce l’esuberanza di forme e racconto. Condensati in una cifra stilistica propria del pittore colombiano che ne esalta le forme, con un maschio di fabbrica unico e riconoscibile.

Botero: il talento precoce di Medellin

Un’esposizione che racconta l’intera carriera  artistica di Botero, lui che a soli 16 anni inizia a pubblicare illustrazioni per il principale giornale della città “El Colombiano”, ed espone per la prima volta. Mentre a soli 19 anni si vede dedicata a Bogotà la prima personale.

Poco più che ventenne, utilizza i soldi ricevuti per il secondo premio del IX Salone degli artisti colombiani per viaggiare in Europa e vedere Spagna, Francia, Italia.

Qui rimane ammaliato da Giotto e Andrea del Castagno, di cui ha poi eseguito fedeli copie. Ed è sempre in Italia, che acquista casa a Pietrasanta, per restare vicino alle cave di marmo, utili alle sue sculture. Tracce di questa permanenza son ancora oggi presenti con la scultura Il Guerriero, un’opera in bronzo alta  quasi 4 metri.

Fernando Botero mostra Roma
Fernando Botero, Musici, 2008

La critica non sempre ha apprezzato il genio del artista colombiano riservandogli spesso giudizi tutt’altro che generosi. Mentre il pubblico ha saputo e voluto innalzarlo sull’olimpo degli artisti contemporanei.

Un amore quello del pubblico per le sue opere che ha contribuito oggi a portarlo a Roma, al Vittoriano, con il suo corpus di opere fiabesche, con le due donne, i suoi uomini, i suoi oggetti e i suoi animali dipinti per essere sensuali, non grassi.

Leggi anche: Arriva nelle sale il docufilm su Maurizio Cattelan, artista prorompente e provocatorio

correlati

Bufalo Regent e Bufalo Gladiatore Special Edition di Zannetti

Zannetti inaugura il 2021 con tre edizioni speciali che celebrano il Capodanno Cinese. Il 12 febbraio 2021 ha avuto inizio l'anno del Bufalo e al maestoso animale...

Fondazione Adolfo Pini per Milano MuseoCity 2021

In occasione della settimana di incontri ed eventi digitali promossa dal 2 al 7 marzo 2021 da Milano MuseoCity, la Fondazione Adolfo Pini è...

La prima personale in Italia di Neïl Beloufa al Pirelli HangarBicocca

Pirelli HangarBicocca ospita, fino al 18 luglio 2021, Digital Mourning, a cura di Roberta Tenconi, la prima grande personale dedicata a Neïl Beloufa in un’istituzione...

I backstage dei film di Alfred Hitchcock in mostra a Monza

Dopo la chiusura forzata, a causa delle restrizioni per il contenimento del contagio da Coronavirus, da lunedì 22 febbraio, riapre al pubblico la mostra...