CARNE y ARENA: l’istallazione di Alejandro G. Iñárritu dopo Cannes arriva a Milano

Pubblicità
Pubblicità

Dopo l’anteprima mondiale al 70° Festival di Cannes, Fondazione Prada ospita a Milano fino al 15 gennaio 2018 CARNE y ARENA (Virtually Present, Physically Invisible) un’installazione di realtà virtuale concepita da Alejandro G. Iñárritu.

Basato sul racconto di fatti realmente accaduti, il progetto confonde e rafforza le sottili linee di confine tra soggetto e spettatore, permettendo ai visitatori di camminare in un vasto spazio e rivivere intensamente un frammento del viaggio di un gruppo di rifugiati. Un grande spazio multi-narrativo che include personaggi reali.

CARNE y ARENA: un viaggio tra i rifugiati in sei minuti e mezzo

L’installazione visiva sperimentale CARNE y ARENA è un’esperienza individuale della durata di sei minuti e mezzo che ripropone la collaborazione tra Alejandro G. Iñárritu e il tre volte premio Oscar Emmanuel Lubezki.

“Nel corso degli ultimi quattro anni, mentre l’idea di questo progetto si formava nella mia mente, ho avuto il privilegio di incontrare e intervistare molti rifugiati messicani e dell’America centrale. Le loro storie sono rimaste con me e per questo motivo ho invitato alcuni di loro a collaborare al progetto

CARNE y ARENA mostra Milano
Alejandro G. Iñárritu

Così racconta la genesi del progetto il quattro volte premio Oscar Iñárritu. “La mia intenzione era di sperimentare con la tecnologia VR per esplorare la condizione umana e superare la dittatura dell’inquadratura, attraverso la quale le cose possono essere solo osservate, e reclamare lo spazio necessario al visitatore per vivere un’esperienza diretta nei panni degli immigrati, sotto la loro pelle e dentro i loro cuori.

Come afferma Germano Celant, Soprintendente Artistico e Scientifico della Fondazione Prada, “Con CARNE y ARENA nasce una fusione d’identità. È una rivoluzione comunicativa in cui il vedere si trasforma in sentire e in condividere fisicamente il cinema: una transizione dallo schermo allo sguardo dell’essere umano, con un’immersione totale dei sensi.”

L’istallazione è accessibile al pubblico solo tramite prenotazione online

Leggi anche: Le fotografie di Satoshi Fujiwara in mostra all’Osservatorio Fondazione Prada

correlati

Neïl Beloufa, 4 installazioni per l’anfiteatro di Apple a Milano

L’artista franco-algerino Neïl Beloufa, in collaborazione con la Fondazione Henraux, presenta The Moral of the Story. Quattro installazioni concepite per lo spazio pubblico dell’anfiteatro di Apple Piazza...

Ponza: 10 cose da fare e da vedere sull’isola

L'isola di Ponza è certamente una delle isole più belle e frequentate del litorale laziale. Ponza, che vive principalmente di turismo, durante l'estate è...

I consigli di Marc Mességué per potenziare il buon umore

Il Park Hotel ai Cappuccini di Gubbio si è sempre distinto, sin dalla fondazione, per l’importanza attribuita alla rigenerazione di corpo e anima, rispettando lo spirito dell’antico convento...

Il Table Bench di Børge Mogensen in versione più piccola

Carl Hansen & Son presenta Table Bench BM0488S, una versione più piccola della famosa panca di Mogensen con il caratteristico sedile intrecciato, dettagli eleganti e l’accurata...