Arman 1954-2005: a Roma una personale dedicata all’artista francese

Pubblicità
Pubblicità

Fino al 23 luglio Palazzo Cipolla a Roma ospita la mostra personale dedicata al lavoro di Arman, promossa e realizzata dalla Fondazione Terzo Pilastro – Italia e Mediterraneo in collaborazione con Marisa Del Re, la Arman Marital TrustCorice Arman Trustee e con il supporto tecnico di Civita.

L’esposizione “Arman 1954-2005”, a cura di Germano Celant, consiste in un’ampia retrospettiva sul lavoro dell’artista francese naturalizzato americano, dove saranno presentate settanta opere dagli esordi negli anni cinquanta ai primi anni del duemila.

Arman mostra Roma
Untitled, 2005 Accumulazione di pennelli, contrabasso affettato e vernice acrilica su tela Collezione Arman Marital Trust, Corice Arman Trustee, Copyright: Arman Studio New York

Un percorso alla rovescia per ricostruire la poetica di Arman

Il percorso à rebours, alla rovescia, negli spazi di Palazzo Cipolla punta a ricostruire la ricca poetica che l’artista ha attuato nel corso di cinquant’anni di attività, lavorando intensamente sia per serie sia con opere singole alla costruzione di un corpus articolato tra pittura e scultura, assemblage e ready-made, senza dimenticare il disegno e l’azione.

L’elaborazione delle idee di raccolta e collezione è presente sia nei Cachets, in cui l’artista fa uso di obliterazioni con timbri a inchiostro misti a interventi pittorici, sia nelle Accumulations di oggetti e utensili. Mentre a opere delle serie Poubelles e Inclusions, sia in cemento che in resina, sono affidate invece le riflessioni  sul concetto di scarto o resto, anche nella sua forma archeologica.

Altrove, come nelle Colères Rages degli anni sessanta, o nei recenti Sandwich Combo, della fine dei novanta, l’artista francese esplora l’annullamento della funzionalità di un oggetto attraverso la sua scomposizione o distruzione.

Arman mostra Roma
Stegosaurus Plierus, 1978 Accumulazione di chiavi inglesi in bronzo saldate tra loro e alla base Collezione Arman Marital Trust, Corice Arman Trustee, Copyright: Arman Studio New York

Le opere di Arman tornano in Italia dopo più di quindici anni dall’ultima antologica a lui dedicata, arricchite della presenza dei più recenti lavori monumentali, a mostrare l’ironia del suo muoversi nella contemporaneità, con lo straordinario eclettismo nell’uso di diversi media e la curiosità sempre rinnovata per le differenti sperimentazioni artistiche. L’artista si muove come un archeologo del futuro o un testimone delle diverse epoche che ha attraversato.

Leggi anche: A Roma una mostra antologica dedicata a Igino Stella

correlati

Bufalo Regent e Bufalo Gladiatore Special Edition di Zannetti

Zannetti inaugura il 2021 con tre edizioni speciali che celebrano il Capodanno Cinese. Il 12 febbraio 2021 ha avuto inizio l'anno del Bufalo e al maestoso animale...

Fondazione Adolfo Pini per Milano MuseoCity 2021

In occasione della settimana di incontri ed eventi digitali promossa dal 2 al 7 marzo 2021 da Milano MuseoCity, la Fondazione Adolfo Pini è...

La prima personale in Italia di Neïl Beloufa al Pirelli HangarBicocca

Pirelli HangarBicocca ospita, fino al 18 luglio 2021, Digital Mourning, a cura di Roberta Tenconi, la prima grande personale dedicata a Neïl Beloufa in un’istituzione...

I backstage dei film di Alfred Hitchcock in mostra a Monza

Dopo la chiusura forzata, a causa delle restrizioni per il contenimento del contagio da Coronavirus, da lunedì 22 febbraio, riapre al pubblico la mostra...