A Roma per tutta l’estate “Da Duchamp a Cattelan. Arte contemporanea sul Palatino”

Pubblicità
Pubblicità

L’arte contemporanea torna a confrontarsi con l’archeologia nella mostra Da Duchamp a Cattelan. Arte contemporanea sul Palatino curata da Alberto Fiz.

Dal 28 giugno al 29 ottobre 100 opere tra grandi installazioni, sculture, dipinti, fotografie e opere su carta di artisti provenienti da 25 diverse nazioni.

Da Duchamp a Cattelan. Arte contemporanea sul Palatino: grandi maestri e esponenti delle ultime generazioni

Accanto a maestri riconosciuti come Marina Abramović, Gino De Dominicis, Marcel Duchamp, Michelangelo Pistoletto e Mario Schifano sono proposti i lavori realizzati da alcuni tra i più significativi esponenti delle ultime generazioni quali Mario Airò, Maurizio Cattelan, Anya Gallaccio, Cai Guo-Qiang, Claudia Losi, Paul McCarthy, Sisley Xhafa, Vedovamazzei e Luca Vitone. Non manca, poi, una serie di lavori realizzata da designer e architetti quali Ugo La Pietra, Gianni Pettena e Denis Santachiara.

La mostra si snoda all’interno del parco archeologico dei Fori imperiali tra lo Stadio Palatino e il peristilio inferiore della Domus Augustana, con le terrazze e le Arcate Severiane.

Mostra Roma Arte contemporanea sul Palatino

Tre sono le sezioni che compongono l’esposizione: le Installazioni architettoniche in sito, efficace accostamento tra archeologia e arte contemporanea; le Mani, disegnate, fotografate, dipinte, scolpite, simbolo comunicativo e forza creatrice; e i Ritratti, traccia identitaria per eccellenza e genere artistico dove gli antichi romani hanno primeggiato.

Una mostra  che ci interroga sul senso del tempo e della permanenza

Architettura, identità, comunicazione e creazione sono temi che la contemporaneità interpreta spesso con disinvolta ironia, in maniera destabilizzante, rifiutando ogni dogma. Messi a  confronto con le maestose architetture dei palazzi imperiali del Palatino, questi materiali ci interrogano sul senso del tempo e della permanenza.

Sono interventi, molti dei quali site-specifica per il Palatino, che non vogliono essere rassicuranti, ma segni del presente che ci  suggeriscono differenti percorsi di comprensione dell’antico.

Tutti i lavori provengono dal museo ALT creato dall’architetto Tullio Leggeri, uno tra i maggiori collezionisti italiani. Tra le monumentali rovine, sarà esposta una significativa selezione delle oltre 1000 opere che costituiscono la sua raccolta.

Leggi anche: Arman 1954-2005: a Roma una personale dedicata all’artista francese

correlati

Ligabue, la figura ritrovata. 11 artisti contemporanei a confronto

Per la prima volta nella sua storia, la Fondazione Museo Antonio Ligabue di Gualtieri (RE) si apre agli artisti del presente, presentando un inedito...

Al via la prima edizione di Roma Jewelry Week

Apre ufficialmente il bando per la prima edizione di Roma Jewelry Week. L’evento si propone di valorizzare il gioiello contemporaneo, d’autore, d’artista e realtà...

Frasi sull’amicizia vera e sincera tratte da Tumblr e brevi

Gli amici sono la famiglia che ci scegliamo. E’ così che si dice no? E infatti non ci è niente di più vero. Un...

Rolex e il cinema

Rolex e l’Academy of Motion Picture Arts and Sciences sono uniti dalla ricerca dell’eccellenza e dalla missione di preservare e rendere omaggio alla creazione di opere straordinarie,...