A Roma i Giardini di Giancarlo Limoni in mostra al MACRO

Pubblicità
Pubblicità

Dal 21 giugno al 17 settembre 2017, il MACRO – Museo d’Arte Contemporanea Roma ospita la prima mostra antologica di Giancarlo Limoni dal titolo Il giardino del tempo – Opere 1980 – 2017, a cura di Lorenzo Canova.

La mostra, che raccoglie venticinque quadri di grandissimo formato realizzati tra il 1980 e il 2017, racconta in modo organico l’opera di uno dei protagonisti della Nuova Scuola Romana degli anni Ottanta.

Un artista, Limoni, che conduce da sempre un lavoro rigoroso e poetico sul medium pittorico, sulla sua materia, sulla luce e sul colore visti come strumenti di un’intensa ricerca sul rapporto tra natura e cultura.

Giancarlo Limoni: un viaggio tra Impressionismo, Espressionismo e Informale

Il percorso artistico di Giancarlo Limoni si arricchisce di riflessioni sulla letteratura e la filosofia: la natura viene interpretata attraverso il filtro mentale di un dialogo con la storia dell’arte e con l’opera di grandi maestri come Turner, Monet, Permeke, Soutine, Mafai, De Staël e Fautrier.

Un viaggio tra Impressionismo, Espressionismo e Informale, con uno sguardo indipendente e personale, influenzato anche dalla pittura orientale, e che rende la ricerca di Limoni del tutto unica nel contesto artistico degli ultimi decenni.

Giancarlo Limoni MACRO
© Fabio Sargentini | Giancarlo Limoni, Giardino Italiano, 1984, olio su tela, cm. 300 x 600

Da Giardino italiano (1984) al Grande Stagno (1993-1994) dalla Siepe Cinese (2004) al Giardino Indiano sotto la pioggia (2004), le tele di Limoni raccontano la costante ricerca dell’artista di una perduta età dell’oro. Un sogno in cui il tempo di cristallizza e ci si trova difronte ad una rinascita continua, un processo di rinnovamento in cui piante e fiori crescono e sbocciano senza sosta.

Nei lavori più recenti il paesaggio invade le tele, diventatone il protagonista. Limoni dona potenza al respiro del mare, mentre fiori e giardini si trasformano in tagli di luce e di schiuma. Siepi e mare si mescolano, confondendosi in un unico vortice di colore.

Leggi anche: Arman 1954-2005: a Roma una personale dedicata all’artista francese

correlati

Pubblicità