Realismo Magico: al MART la pittura italiana degli anni Trenta

Pubblicità
Pubblicità

 

Il Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto (MART) ospita, dal 3 dicembre al 2 aprile 2018, la mostra Realismo Magico. L’incanto nella pittura italiana degli anni Venti e Trenta.

Prima tappa dell’esposizione che approderà nel 2018 all’Ateneum Art Museum di Helsinki e al Folkwang Museum di Essen, la Mostra ripercorre le vicende del Realismo Magico in Italia attraverso una selezione di capolavori pittorici provenienti da importanti collezioni pubbliche e private.

Coniata dal critico Franz Roh in un celebre saggio dedicato alla pittura contemporanea (1925), la definizione Realismo Magico descrive una stagione artistica internazionale che ha conosciuto la sua fase più creativa e originale tra gli anni Venti e gli anni Trenta del Novecento. Si tratta di un periodo successivo alle vicende delle Avanguardie storiche, segnato dal recupero della tradizione pittorica e scultorea.

Realismo Magico: realtà come punto di partenza di una trasfigurazione che passa attraverso l’immaginazione e la meraviglia

La rappresentazione oggettiva che il termine “realismo” evidenzia si accompagna, in questa espressione, a un aggettivo che evoca le atmosfere sospese e surreali caratteristiche di questa corrente. La realtà è infatti punto di partenza di una trasfigurazione che passa attraverso l’immaginazione e la meraviglia, messa in atto da un gruppo di artisti tra cui spiccano gli italiani Cagnaccio di San PietroFelice Casorati, Antonio DonghiAchille FuniCarlo Levi e Ubaldo Oppi.

Accanto agli interpreti più noti operano alcuni artisti attivi nelle realtà più locali dell’arte veneziana, triestina, torinese e romana, a conferma della trasversalità di temi e stili su cui converge l’esperienza pittorica italiana di quei decenni. Tra questi Mario e Edita BroglioLeonor FiniArturo NathanCarlo SbisàGregorio SciltianCarlo Socrate e Cesare Sofianopulo.

Il percorso espositivo, che indaga la complessità delle fonti di ispirazione e le diverse declinazioni di ambito italiano, fa luce sulle novità interpretative che il Realismo Magico mette in campo rispetto ad alcuni generi della tradizione pittorica. È questo, infatti, il primo progetto realizzato dopo l’importante antologica curata da Maurizio Fagiolo dell’Arco, tenutasi tra il 1988 e il 1989 alla Galleria dello Scudo di Verona.

Leggi anche: A Milano la mostra Tosi e Sironi: due maestri, due amici

correlati

Bufalo Regent e Bufalo Gladiatore Special Edition di Zannetti

Zannetti inaugura il 2021 con tre edizioni speciali che celebrano il Capodanno Cinese. Il 12 febbraio 2021 ha avuto inizio l'anno del Bufalo e al maestoso animale...

Fondazione Adolfo Pini per Milano MuseoCity 2021

In occasione della settimana di incontri ed eventi digitali promossa dal 2 al 7 marzo 2021 da Milano MuseoCity, la Fondazione Adolfo Pini è...

La prima personale in Italia di Neïl Beloufa al Pirelli HangarBicocca

Pirelli HangarBicocca ospita, fino al 18 luglio 2021, Digital Mourning, a cura di Roberta Tenconi, la prima grande personale dedicata a Neïl Beloufa in un’istituzione...

I backstage dei film di Alfred Hitchcock in mostra a Monza

Dopo la chiusura forzata, a causa delle restrizioni per il contenimento del contagio da Coronavirus, da lunedì 22 febbraio, riapre al pubblico la mostra...