Home Arte Il segno del ‘900. Da Cezanne a Picasso, da Kandinskij a Fontana....

Il segno del ‘900. Da Cezanne a Picasso, da Kandinskij a Fontana. Opere grafiche

CONDIVIDI
Il Segno del '900
Il Segno del '900. Da Cezanne a Picasso, da Kandinskij a Fontana. Opere grafiche

Dal 16 dicembre 2017 all’11 marzo 2018 il Museo MUST di Vimercate ospita la grande mostra IL SEGNO DEL ’900. Da Cezanne a Picasso, da Kandinskij a Fontana. Opere grafiche. 85 opere grafiche dei più importanti artisti europei dalla fine dell’Ottocento al secondo dopoguerra.

Il SEGNO DEL ‘900: l’importanza della stampa d’arte come mezzo espressivo autonomo

La mostra, a cura di Simona Bartolena, ripercorre la scena artistica europea dalla fine dell’Ottocento al secondo dopoguerra, e dimostra, attraverso i fogli di alcuni dei più celebri artisti del tempo, l’importanza della stampa d’arte come mezzo espressivo autonomo.

Oggi, in Italia, è purtroppo ancora molto diffuso il luogo comune che considera l’incisione una forma d’arte inferiore rispetto a pittura e scultura. L’esposizione racconta come, al contrario, molti grandi artisti del Novecento abbiano considerato la stampa come uno strumento prezioso nella loro ricerca, affidando proprio al foglio stampato le sperimentazioni tecniche più ardite e importanti passaggi stilistici. Un viaggio ricco di suggestioni e spunti di riflessione nella grafica d’artista dell’età contemporanea.

Il percorso inizia simbolicamente alla fine dell’Ottocento, con l’opera di personaggi chiave per gli sviluppi dell’arte nei decenni successivi, primo su tutti Paul Cézanne e gli artisti della stagione Simbolista, per proseguire poi tra i vari movimenti d’avanguardia e i loro principali interpreti: da Picasso e Matisse, da Pechstein a Dix, da Kandinskij a Klee, da Miró a Giacometti, da Hartung a Dubuffet, da Vedova a Fontana.

La serie di opere offre così, al contempo, un’occasione per ripercorrere la storia dell’arte europea della prima metà del Novecento e un’opportunità di scoperta e approfondimento di un ambito in Italia purtroppo ancora davvero poco frequentato.

Leggi anche: Revolutija: le avanguardie russe in mostra a Bologna