Stefano Ricci, l’eleganza del dinamico presente

Pubblicità
Pubblicità

Le radici del territorio, le auto storiche e il Tricolore. Nasce da questi tre valori di pura italianità il nuovo messaggio che Stefano Ricci lancia al mondo della moda, confermando l’area fiorentina come proprio terroir esteso oggi al Mugello, trait d’union tra la sede produttiva di Fiesole e la tenuta privata di Poggio ai Segugi.

“Quando abbiamo pensato alla nuova collezione – dichiara Filippo Ricci, Direttore creativo di Stefano Ricci S.p.A. – ci siamo posti come obiettivo quello di immaginare l’uomo cosmopolita immerso nella velocità di un dinamico presente. Elegante in ogni momento della giornata, vestito di una qualità senza compromessi, padrone di se stesso. Ho pensato al Mugello, una terra che sentiamo nostra. Ho voluto osare un abbinamento con l’Autodromo internazionale del Mugello e con la velocità”.

Una vita veloce per l’uomo di oggi che cerca un’eleganza grintosa quanto discreta, una raffinatezza che si rivela più nei dettagli che nella troppo facile apparenza. Per un lusso che si svela lentamente, anche al tatto, sempre più consapevole del valore della qualità, della tracciabilità del vero Made in Italy e del fatto in Italia, dell’esaltazione della sartorialità e della manualità che rende unico lo stile di Stefano Ricci.

Per l‘autunno-inverno 2018-19 la collezione esalta il dinamismo e l’appeal dell’Autodromo Internazionale del Mugello, un Circuito di bellezza stellare dove nei 5245 metri di pista su 15 curve vibra il mistero della corsa e lo “specchio” dell’automobile d’epoca con l’appassionato che la guida. Un uomo che è ancora capace di sognare, con la velocità della vita e del pensiero che scandisce il suo tempo.

Dallo sportswear più esclusivo con la tuta blu abisso in cashmere e seta, al dettaglio dell’impronta del pneumatico che avvolge il giubbotto di seta tech e rende più confortevoli le sneakers, all’abbigliamento per la città col piumino grigio in flanella di cachemere foderato a disegni cravatteria, col bomber di coccodrillo matted col logo sempre più piccolo e sofisticato, col jeans che ha la salpa dipinta a mano col volo dell’aquila, animale simbolo di Stefano Ricci, anch’esso simbolo di velocità. Ogni pezzo una storia. Giacche decostruite e sfoderate, da quella Cardigan senza revers e di taglio contemporaneo alla Giacca Viaggio, in seta tech blue denim, idrorepellente e leggera, con la coulisse funzionale.

Strumenti per un guardaroba maschile dinamico che si esaltano negli abiti gessati tono su tono o in microfantasia, fino alla sera con il tuxedo dell’Antico Setificio Fiorentino nero come l’asfalto a disegni di fumi di macchine da corsa sulla griglia di partenza. Al Circuito del Mugello che esplode del Tricolore in ogni sua parte la famiglia Ricci tributa onore e ammirazione, nel segno della passione per le auto d’epoca e dell’attaccamento al territorio, vero gioiello d’italianità.

www.stefanoricci.com

correlati

La nuova Capsule Collection di Wallpepper/Group-Warø

Da sempre, WallPepper®/Group propone all’interno della sua ampia offerta di ‘immagini a parete’ speciali Capsule Collections, linee esclusive, in edizione limitata, che nascono da collaborazioni con...

Falkensteiner Hotel & Spa Jesolo si rinnova

Riapre il 20 maggio il Falkensteiner Hotel & Spa Jesolo 5 stelle Premium Collection, con un concept tutto nuovo e tante importanti novità che...

Ethimo presenta Kilt la poltroncina firmata Marcello Ziliani

Kilt, la poltroncina il cui intreccio ‘prende spunto dalla fascia di tessuto che si avvolge attorno alla vita dei fieri abitanti delle Highlands’, disegnata...

Marc Chagall. Vita, stile ed opere dell’artista russo

Artista Primitivo, Cubista, Fauvista, Espressionista o Surrealista è difficile, se non impossibile, inserire Marc Chagall all'interno di una corrente artistica. Sempre fedele a se...