Non Avere Timore. Roberto Pietrosanti – Giovanni Lindo Ferretti

Pubblicità
Pubblicità

La Triennale di Milano e la Libera Università di Lingue e Comunicazione IULM di Milano presentano, negli spazi del palazzo della Triennale, dal 9 maggio al 10 giugno 2018 la mostra Non Avere Timore. Roberto Pietrosanti – Giovanni Lindo Ferretti.

Un progetto espositivo interamente curato, organizzato e comunicato dagli studenti al secondo anno del Corso di Laurea Magistrale in Arti, patrimoni e mercati della Facoltà di Arti, turismo e mercati dell’Università IULM, di cui è preside Vincenzo Trione.

Una mostra che, con il coordinamento critico di Anna Luigia De Simone, il progetto allestitivo firmato da Gianluca Peluffo e il supporto dello staff della Fondazione, si inserisce nel panorama culturale milanese come un’esperienza unica nel suo genere che mira a ridurre la distanza tra il sistema universitario e quello del lavoro grazie alla collaborazione tra le due istituzioni culturali, giunta con successo alla settima edizione.

Non Avere Timore. Roberto Pietrosanti – Giovanni Lindo Ferretti. Una voce in grado di scendere i linguaggi di musica e arte per ritrovare quei valori di una spiritualità contemporanea che sembravano persi

Quest’anno, Non Avere Timore, il lavoro sul tema dell’Annunciazione nato dal dialogo tra Roberto Pietrosanti e Giovanni Lindo Ferretti, fondatore dei CCCP (gruppo che ha segnato la storia della musica punk negli anni Ottanta), viene riletto dai giovani curatori della IULM per svelare i modi attraverso i quali gli autori si sono interrogati “su quell’attimo eterno in cui una voce cambia il destino dell’umanità”.

Centrale in questa mostra è quindi il tema della voce. Suono primordiale, primo segnale della nascita, espressione di partecipazione religiosa. Oggetto di indagine continua per i due artisti che, in cerca di una risposta possibile agli interrogativi del presente, trovano nella voce della Rivelazione i valori persi di una spiritualità contemporanea capace di invadere e trascendere i linguaggi di musica e arte.

La mostra Non Avere Timore alla Triennale di Milano traduce nove mesi di intensi scambi epistolari, conversazioni e collaborazioni tra Pietrosanti e Ferretti, conclusi in una sorta di comune eremitaggio a Cerreto Alpi, a casa del cantore, e immortalati dalle fotografie di Leonardo Aquilino.

Lungo il percorso espositivo, nelle opere di Pietrosanti, il silenzio assordante dato dal vuoto, dall’assenza e dall’ossessiva tensione spirituale all’ascolto viene infranto dall’intervento vocale e verbale di Ferretti. Così, le musiche e gli scritti del padre spirituale del punk italiano si fondono nelle installazioni e nelle tele di Pietrosanti tracciando quella che entrambi definiscono una mappa astrale della verità, di cui è necessario Non Avere Timore.

Accompagnano la mostra un libro d’artista in edizione limitata che raccoglie gli scambi di idee tra i due e un video di presentazione del progetto, realizzato da Leonardo Aquilino. Per l’occasione verrà anche pubblicato un magazine con una lunga intervista inedita a Roberto Pietrosanti, a Giovanni Lindo Ferretti e a Leonardo Aquilino curata dagli studenti della IULM.

Leggi anche: A Milano la prima personale italiana dell’artista coreana Yulim Song

correlati

Io dico Io – I say I la mostra tutta al femminile alla Galleria Nazionale

Dal 1 marzo al 23 maggio la Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma  ospita Io dico Io – I say I a cura di...

Art.Live! due appuntamenti con la mostra Le Signore dell’Arte a Milano

Sull'onda del grande successo ottenuto con la mostra Monet e gli Impressionisti a Bologna, Arthemisia raddoppia l'appuntamento Art.Live! spostandosi a Milano alla scoperta delle grandi artiste protagoniste della mostra Le Signore...

Fondazione Adolfo Pini per Milano MuseoCity 2021

In occasione della settimana di incontri ed eventi digitali promossa dal 2 al 7 marzo 2021 da Milano MuseoCity, la Fondazione Adolfo Pini è...

La prima personale in Italia di Neïl Beloufa al Pirelli HangarBicocca

Pirelli HangarBicocca ospita, fino al 18 luglio 2021, Digital Mourning, a cura di Roberta Tenconi, la prima grande personale dedicata a Neïl Beloufa in un’istituzione...