Home Arte I collage tra arte e pubblicità di Giulio Ceppi a Milano

I collage tra arte e pubblicità di Giulio Ceppi a Milano

Giulio Ceppi Mostra Triennale
Giulio Ceppi, Scollamenti Temporali

Una selezione del ricco corpus di collages realizzati da Giulio Ceppi, architetto e designer milanese, è l’assoluta  protagonista della mostra, curata  da Elisabetta Longari, Scollamenti Temporali, ospitata negli spazi della Triennale di Milano dal 7 giugno all’8 luglio 2018.

Storia dell’Arte e campagne pubblicitarie di moda negli Scollamenti Temporali di Giulio Ceppi

Le oltre 160 opere collages, che compongono l’installazione, sono basate sulla relazione tra opere d’arte del passato e campagne pubblicitarie contemporanee. Accostamenti a prima vista improbabili trovano una familiarità inaspettata, dando luogo a una serie di contrasti, paradossi e provocazioni.

In questi montaggi su carta Giulio Ceppi ha giocato con due tipi di frammenti: parti di immagini che riproducono capolavori della storia dell’arte dal Duecento al Moderno, e ritagli di riviste che illustrano campagne pubblicitarie di moda, dando vita a relazioni fluide, aperte e imprevedibili tra arte e moda.

Il lavoro del progettista, architetto e designer, consiste sempre più nell’assemblare materiali, segni, codici, linguaggi, trovando ogni volta una nuova e diversa sintesi, originale quanto capace di produrre un senso condivisibile. Il frammento ha un grande valore in questo processo: che sia frammento fisico o intangibile, mnemonico o reale, figurativo o astratto…non importa. Avrei voluto essere un archeologo da bambino – dice l’autore Giulio Ceppi – capace di ricostruire un mondo dal frammento, di intuire una vita diversa e lontana nel tempo. Che sia un oggetto, un’immagine, un’architettura: il frammento non è però un dettaglio, ma l’inizio di una possibile storia.

Nelle tavole in mostra alla Triennale, Giulio Ceppi ricerca attraverso il collage, sperimentando liberamente nuove vie espressive e nuovi linguaggi, e rivendicando il diritto alla materia e all’interazione sensoriale con gli oggetti, in un mondo ormai sempre più digitale e immateriale.

Leggi anche: Non Avere Timore. Roberto Pietrosanti – Giovanni Lindo Ferretti