BI-FACE: ironia e riflessione nelle opere di Franco Mazzuchelli a Milano

Pubblicità
Pubblicità

Dal 20 giugno al 3 agosto lo spazio espositivo Gaggenau DesignElementi HUB, ospita la mostra BI-FACE, personale di Franco Mazzucchelli, un ciclo inedito di opere mai esposto al pubblico, seconda mostra del ciclo “On Reflection” promosso da Gaggenau e Cramum all’interno del Gaggenau DesignElementi HUB. 

La mostra rappresenta una rara possibilità di conoscere questo ciclo di opere che completa, anche a livello teorico, il fortunato ciclo della Bieca Decorazione. Gli 8 Bifacciali in mostra interrogano il visitatore, con pungente ironia, sul senso stesso dell’arte oggi: “Qual è il futuro dell’arte?”“Che senso ha ‘fare’ quadri oggi?”“Quanto conta l’aspetto decorativo nell’arte oggi?”.

Franco Mazzucchelli, BI-FACE: quadri che non si appendono; sculture, dalla forma di un quadro; superfici riflettenti,dove non ci si può specchiarcisi

I Bifacciali, resi possibili dalla collaborazione dell’artista con la Tornitura Morella, sono quadri, ma non si appendono; sono sculture, ma hanno la forma di un quadro; sono composti di superfici riflettenti, ma non è possibile specchiarcisi.

Come spiega il curatore Sabino Maria Frassà, “Franco Mazzucchelli con queste opere realizza dei labirinti di forma e contenuto, capovolgendo o azzerando tutte le certezze e i punti di riferimento”

Si tratta di opere sono indiscutibilmente dei quadri, ma non si appendono, con un fronte e un retro che finiscono con il fondersi in un’unica dimensione, in un’unica ‘facciata’ che ha infinite soluzioni di osservazione. Non esistono più il fronte e il retro del quadro, e non resiste integro nemmeno il confine tra opera d’arte e ambiente esterno: ciò che è sullo sfondo, al di là dell’opera, è portato in primo piano o all’interno dell’opera grazie all’uso del Pvc trasparente. Allo stesso modo le superfici specchianti portano lo spettatore e l’ambiente circostante dentro l’opera. Infine i piani sfasati e l’alternanza tra pareti trasparenti e superfici specchianti portano lo sguardo a perdersi dentro l’opera, in quel vuoto di aria imprigionato nel pvc.

Leggi anche: Lettere, frasi e frammenti nei lavori di Walter Swennen a Milano

correlati

Renoir: 10 cose da sapere sull’artista e sulle sue opere

Pierre-Auguste Renoir fu un noto pittore dell'ottocento. Sin da piccolo era particolarmente portato sia per il canto che per il disegno e il padre...

Keith Haring: 10 cose da sapere su di lui e sulle sue opere

Keith Haring è un giovane che ha fatto della sua vita una vera opera d'arte di fantasia. Classe 1958 è da molti considerato uno...

Il regalo perfetto per ogni mamma con Pandora

Se sei alla ricerca del regalo perfetto per la festa della mamma, scegli dei gioielli classici Pandora perché dimostrano tutto il tuo affetto. In questa...

Immersi nella natura nel Glamping sostenibile che galleggia sui Laghi Nabi

Gli alberi si specchiano sulle acque dei laghi, facendo capolino tra i colori vividi del cielo, mentre paesaggi luminosi si stagliano verso l’orizzonte, creando...