BI-FACE: ironia e riflessione nelle opere di Franco Mazzuchelli a Milano

Pubblicità
Pubblicità

Dal 20 giugno al 3 agosto lo spazio espositivo Gaggenau DesignElementi HUB, ospita la mostra BI-FACE, personale di Franco Mazzucchelli, un ciclo inedito di opere mai esposto al pubblico, seconda mostra del ciclo “On Reflection” promosso da Gaggenau e Cramum all’interno del Gaggenau DesignElementi HUB. 

La mostra rappresenta una rara possibilità di conoscere questo ciclo di opere che completa, anche a livello teorico, il fortunato ciclo della Bieca Decorazione. Gli 8 Bifacciali in mostra interrogano il visitatore, con pungente ironia, sul senso stesso dell’arte oggi: “Qual è il futuro dell’arte?”“Che senso ha ‘fare’ quadri oggi?”“Quanto conta l’aspetto decorativo nell’arte oggi?”.

Franco Mazzucchelli, BI-FACE: quadri che non si appendono; sculture, dalla forma di un quadro; superfici riflettenti,dove non ci si può specchiarcisi

I Bifacciali, resi possibili dalla collaborazione dell’artista con la Tornitura Morella, sono quadri, ma non si appendono; sono sculture, ma hanno la forma di un quadro; sono composti di superfici riflettenti, ma non è possibile specchiarcisi.

Come spiega il curatore Sabino Maria Frassà, “Franco Mazzucchelli con queste opere realizza dei labirinti di forma e contenuto, capovolgendo o azzerando tutte le certezze e i punti di riferimento”

Si tratta di opere sono indiscutibilmente dei quadri, ma non si appendono, con un fronte e un retro che finiscono con il fondersi in un’unica dimensione, in un’unica ‘facciata’ che ha infinite soluzioni di osservazione. Non esistono più il fronte e il retro del quadro, e non resiste integro nemmeno il confine tra opera d’arte e ambiente esterno: ciò che è sullo sfondo, al di là dell’opera, è portato in primo piano o all’interno dell’opera grazie all’uso del Pvc trasparente. Allo stesso modo le superfici specchianti portano lo spettatore e l’ambiente circostante dentro l’opera. Infine i piani sfasati e l’alternanza tra pareti trasparenti e superfici specchianti portano lo sguardo a perdersi dentro l’opera, in quel vuoto di aria imprigionato nel pvc.

Leggi anche: Lettere, frasi e frammenti nei lavori di Walter Swennen a Milano

correlati

SpaLoft, la minipiscina di Kinedo

SpaLoft è la minipiscina da interni ed esterni di Kinedo progettata all’insegna del benessere e del piacere. La soluzione ideale per tutti coloro che hanno sempre desiderato...

Io dico Io – I say I la mostra tutta al femminile alla Galleria Nazionale

Dal 1 marzo al 23 maggio la Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma  ospita Io dico Io – I say I a cura di...

Art.Live! due appuntamenti con la mostra Le Signore dell’Arte a Milano

Sull'onda del grande successo ottenuto con la mostra Monet e gli Impressionisti a Bologna, Arthemisia raddoppia l'appuntamento Art.Live! spostandosi a Milano alla scoperta delle grandi artiste protagoniste della mostra Le Signore...

Fondazione Adolfo Pini per Milano MuseoCity 2021

In occasione della settimana di incontri ed eventi digitali promossa dal 2 al 7 marzo 2021 da Milano MuseoCity, la Fondazione Adolfo Pini è...