Le opere grafiche di Franco Fossa all’Accademia di Brera

Pubblicità
Pubblicità

L’Accademia di Belle Arti di Brera, dal 27 giugno al 28 settembre, rende omaggio alla ricerca artistica di Franco Fossa (Milano, 1924-2010) con la mostra Figure, luoghi, riflessi del tempo. Opere grafiche (1950-2010); una selezione di opere grafiche realizzate dagli anni Cinquanta agli anni Novanta, a testimonianza delle fasi evolutive del suo percorso creativo.

L’esposizione documenta i principali temi iconografici legati ai registri espressivi del segno e del colore, dallo studio della figura umana (corpi, teste, ritratti) alle ambientazioni plastiche dove la presenza dell’uomo è immaginata in relazione a spazi angusti e desolati, costruzioni architettoniche primarie, luoghi pervasi da un senso di solitudine esistenziale.

Franco Fossa: ricerca grafica come dimensione progettuale della forma tra ambienti e piani

Dopo aver disegnato figure di forte carica espressionista, l’artista indaga i volti dell’esistenza in una serie di teste e ritratti vissuti come temi comunicativi di una realtà aspra, cruda e tagliente, attraversata senza sosta da dubbi e ripensa- menti. In seguito, parallelamente alle scelte operate sul piano della scultura, la ricerca grafica riflette la dimensione progettuale della forma che oscilla tra “ambienti e piani” alla ricerca di equilibri volumetrici, armonie spaziali, oltrepassamenti.

Misurandosi con questi canoni della rappresentazione, l’arte di Franco Fossa pone in evidenza l’incombente idea di alienazione e la costante perdita di valori umani che contraddistingue la vita contemporanea durante le stagioni del suo operare, fino a farsi strumento di denuncia e presa di coscienza di una condizione sottoposta alle costrizioni della sfera sociale.

Di fronte a questi stati d’animo l’artista amplifica la dimensione interiore del visibile intercettando spiragli di luce che alleggeriscono il peso compatto dei volumi, scatole, cubi e parallelepipedi come riflessi della condizione urbana. Ampi margini di apertura sono suggeriti dalle opere dell’ultimo periodo, i vincoli spaziali si smaterializzano e la figura dell’uomo è libera di spaziare verso atmosfere impalpabili, luoghi senza limiti, visioni sempre più proiettate oltre i confini.

Leggi anche: I “segni” della carriera di Agostino Ferrari al Museo del 900

correlati

Varignana Music Festival: musica, natura, benessere e gusto si incontrano

La musica come terapia per l'anima, è questo il segreto della settima edizione del Varignana Music Festival, il programma di concerti di musica classica...

Biofficina Toscana presenta la linea “I solidi”

Biofficina Toscana, marchio cosmetico eco bio toscano, sin dalla fondazione, punta alla tutela del patrimonio naturalistico della regione toscana, al sostegno delle Aziende agricole del territorio...

Marco Mengoni per la prima volta in live negli stadi

Si chiama “MA STASERA” il nuovo singolo di Marco Mengoni, disponibile ovunque dal 18 giugno e che segna il suo ritorno a due anni...

Chef Manon Fleury, il nuovo volto del Monte-Carlo Beach

L’incontro tra il ristorante Elsa e Manon Fleury nel contesto del Monte-Carlo Beach non è sicuramente casuale. Questo luogo leggendario ha infatti visto la propria storia segnata del destino di...