I castelli sospesi tra il giorno e la notte di Jan Fabre a Milano

Pubblicità
Pubblicità

Jan Fabre approda a Milano con la mostra  I Castelli nell’Ora Blu, la prima personale  milanese dell’artista ospitata dalla BUILDING Gallery,  dal 22 settembre al 22 dicembre.

Installazioni site-specific in galleria e alcune appendici in spazi istituzionali della città di Milano, la basilica di Sant’Eustorgio e la Cappella Portinari. Una selezione di lavori in gran parte inediti, provenienti dalla collezione dell’artista, realizzati da Jan Fabre dalla fine degli anni Ottanta e incentrati su due temi particolarmente significativi per il maestro: i castelli e l’Ora Blu.

I Castelli nell’Ora Blu: installazioni site-specific e lavori inediti dalla collezione di Jan Fabre

Disegni, collage, film, opere fotografiche e sculture compongono un percorso di fusione delle due tematiche nel pensiero di Jan Fabre, dichiarata nel titolo della mostra, che si fa evidente nelle opere esposte, a partire da Tivoli (1990). Qui Fabre ha ricoperto completamente il castello di Tivoli (Mechelen) con fogli disegnati a bic blu, che ha lasciato trasformarsi alla luce e alle intemperie. Una vera e propria performance architettonica che l’artista ha filmato giorno e notte, realizzando un film che sarà presente in galleria.

La tonalità dell’inchiostro bic ricorda all’artista l’atmosfera di quel momento speciale tra la notte e il giorno, tra il sonno e la veglia, tra la vita e la morte. L’Ora Blu, un momento di totale silenzio e perfetta simmetria in natura, quando gli animali notturni si stanno per addormentare e quelli diurni si stanno svegliando, in cui i processi di metamorfosi hanno atto.

Bic Art: il disegno che diventa scultura e architettura

Teorizzata da Jean-Henri Fabre, considerato il padre dell’entomologia, l’Ora Blu ha ispirato a Jan Fabre una produzione di disegni a penna bic di vario formato, ma è soprattutto nelle opere di grandi dimensioni che l’occhio si immerge completamente nelle fitte linee blu, dove è difficile abbracciare con lo sguardo l’opera nella sua interezza.

Il disegno, in questa produzione di Fabre, acquisisce dignità non solo autonoma ma anche tridimensionale, diventa scultura, architettura. Non si tratta più di preparazione all’opera pittorica o bozzetto per quella scultorea, ma è un’opera immersiva che rivela il sentimento più intimo, vero e istintivo del pensiero dell’artista.

Su questa idea Jan Fabre lavora sin dai suoi esordi, dalla nascita della sua “bic art”. Di fronte al grande telo in seta esposto all’interno della basilica di Sant’Eustorgio, al cospetto delle sculture nella Cappella Portinari o nell’opera site-specific che l’artista ha realizzato presso BUILDING, si è dentro il disegno, che diviene spazio, casa, castello.

Leggi anche: The Cleaner: 50 anni di Marina Abramović a Firenze

correlati

Collezione P/E 2021 Schneiders Salzburg

Tradizione, qualità, artigianato, affidabilità, sostenibilità, responsabilità sociale, attenzione ai dettagli e coraggio di innovare. Da oltre 75 anni Schneiders Salzburg investe in uno stile desiderabile,...

Biennale di Belgrado 2021, The Dreamers: 4 giugno al 22 agosto

Fondato dalla città di Belgrado nel 1960, con il sostegno del Ministero della Cultura e dell’Informazione della Repubblica di Serbia, l’October Salon | Biennale...

to the everyday miracle, personale di Corita Kent a Milano

La galleria kaufmann repetto presenta to the everyday miracle personale di Corita Kent (1918, Fort Dodge - 1986, Boston). Sviluppata in collaborazione con il Corita Art Center...

Who the Bær, personale di Simon Fujiwara a Fondazione Prada

Fondazione Prada posticipa, a data da destinarsi, l'apertura al pubblico della mostra Who the Bær di Simon Fujiwara, prevista per martedì 2 marzo 2021...